Trevor Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre persone con questo nome, vedi Trevor Johnson (disambigua).
Trevor Johnson
Nome Trevor George Johnson
Nazionalità Canada Canada
Italia Italia (dal 2008)
Altezza 179 cm
Peso 87 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Difensore
Tiro Sinistro
Squadra Valpellice
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1998-2002 Kootenay Ice 269 30 116 146
2002 Seattle Thunderbirds 45 11 21 32
2002-2003 Tri-City Americans 56 15 25 40
Squadre di club0
2003-2004 Muskegon Fury 92 8 36 44
2004 Hershey Bears 3 0 0 0
2004-2005 Peoria Rivermen 21 3 7 10
2004-2005 South Carolina Stingrays 41 5 20 25
2005 Cleveland Barons 3 0 0 0
2005-2006 Muskegon Fury 78 11 47 58
2006-2007 Ritten-Renon 30 5 15 20
2007-2009 Asiago 71 14 45 59
2009 Kassel Huskies 16 0 3 3
2009-2010 Bolzano 25 5 11 16
2010- Valpellice 233 45 181 226
Nazionale
2008-2014 Italia Italia 60 4 17 21
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 marzo 2015

Trevor George Johnson (Trail, 25 gennaio 1982) è un hockeista su ghiaccio canadese naturalizzato italiano, milita come difensore nell'HC Valpellice, squadra della Serie A di cui è capitano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre è islandese, la madre è invece italiana. I due si conobbero in Canada, dove si stabilirono definitivamente dopo il matrimonio, e dove Trevor Johnson nacque e crebbe.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Johnson iniziò la sua carriera nel 1998 con il team del Kootenay Ice (WHL), con cui giocò per quattro stagioni, vincendo un titolo (2000). Prima del termine della stagione 2001-2002 si trasferì ai Seattle Thunderbirds, sempre in WHL, con cui iniziò anche la stagione successiva, prima di passare ai Tri City Americans (WHL) e poi - per la prima volta al professionismo - ai Muskegon Fury (UHL) con cui disputò l'intera stagione 2003-2004.[2]

Anche nel 2004-2005 si divise fra tre squadre: Hershey Bears (AHL), Peoria Rivermen (ECHL) e South Carolina Stingrays (ECHL). Ritornò in AHL (Cleveland Barons) nel 2005-2006, ma per soli tre incontri, giocando poi il resto della stagione coi Muskegon Fury.

In Italia esordì nella stagione 2006-07 con la maglia del Renon con 30 presenze e 20 punti. Dalla stagione successiva, e per due stagioni, passò a vestire la maglia dell'Asiago Hockey. Nel 2009-10 fu ceduto dall'Asiago al Kassel Huskies, squadra della DEL,[3] con cui disputò soli 16 incontri prima di tornare in Italia all'Hockey Club Bolzano.[4] Dal 2010 milita nella formazione piemontese dell'HC Valpellice[5] nella quale, dal 2011, è divenuto capitano. Nell'estate del 2013, dopo aver vinto la Coppa Italia ed essere arrivato alla finale scudetto, Johnson rinnovò il proprio contratto per altre tre stagioni.[6]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008, maturati i due anni nel campionato italiano necessari per vestire la maglia azzurra, fu convocato nella Nazionale italiana.[7] Nel 2009 disputò le qualificazioni olimpiche e prese parte ai mondiali 2009 di Prima Divisione,[2] vinti dagli azzurri. Johnson fu eletto miglior difensore del torneo.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Polonia 2009 (8 punti)
Polonia 2009 (8 punti)
Polonia 2009
2011-2012 (25 assist), 2013-2014 (43 assist), 2014-2015 (33 assist)
2012-2013 (44 punti), 2013-2014 (45 punti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Trevor Johnson, hockeytime.net, 17-04-2009. URL consultato il 20-01-2010.
  2. ^ a b Trevor Johnson (CAN/ITA). URL consultato il 17-12-2009.
  3. ^ Trevor Johnson sbarca in DEL, 13-07-2009. URL consultato il 17-12-2009.
  4. ^ a b Il Bolzano mette le mani su Trevor Johnson, 08-12-2009. URL consultato il 17-12-2009.
  5. ^ La Valpe rinnova con Trevor Johnson, 12-05-2011. URL consultato il 21-07-2011.
  6. ^ Due rinnovi per la Valpe: Coach Flanagan e capitan Trevor Johnson, 30-07-2013. URL consultato il 30-07-2013.
  7. ^ (DE) Wölfe Newsletter Nr. 05/09 vom 29.10.2008, 29-10-2008. URL consultato il 17-12-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]