Tiberio Tinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tiberio Tinelli (Venezia, 1587Venezia, 22 maggio 1639) è stato un pittore italiano.

Ritratto di Giulio Strozzi", Uffizi.

Svolse buona parte della sua attività nella città natale. Allievo di Giovanni Contarini, noto imitatore del Tiziano, si specializzò nella ritrattistica, passando alla scuola del Bassano. Più tardi entrò in contatto con altri celebri ritrattisti europei, quali Anthony van Dyck, Nicolas Rénier e Simon Vouet.

Divenne noto tra i contemporanei per la raffigurazione di soggetti nelle vesti di personaggi storici e mitologici ed entrò nelle grazie di Luigi XIII di Francia, che nel 1633 e che lo nominò cavaliere dell'Ordine di San Michele.[1]. Ebbe un tormentato matrimonio con la pittrice Giovanna Garzoni [2].

Alcune opere[modifica | modifica wikitesto]

  • "Ritratto del poeta Giulio Strozzi" (Uffizi, Firenze)
  • "Ritratto di Ludovico Windmann" (1637, National Gallery of Art, Washington D.C.)
  • "Ritratto di Emilia Papafava Borromeo", Padova, Musei Civici
  • "Ritratto di Francesco Querini" (1615, Hood Museum of Art, Hanover (New Hampshire))
  • "Ritratto di uomo con libro" (Nàrodní Galerie, Praga)
  • "Ritratto di avogadori" (1631, Palazzo Ducale, Venezia)
  • "Ritratto di Luigi Molin" (Gallerie dell'Accademia, Venezia)
  • "Ritratto ideale di giorgione" (Svizzera, collezione privata)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Gould, Biographical Dictionary of Painters, Sculptors, Engravers, and Architects(...), vol. 2, 1888, p. 545, ISBN 1-145-10756-7.
  2. ^ Francesca Bottacin, Tiberio Tinelli "Pittore e Cavaliere" (1587-1639), 2004, Edizioni della Laguna, Mariano del Friuli (Go)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 47054504