Targelia di Mileto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Targelia di Mileto (o Thargelia; in greco: Θαργηλία; ... – ...) è stata una celebre etera milesia.

Plutarco, nella vita di Pericle, la definisce come donna della Ionia, "sapiente e dedita alla politica", facendo un parallelo con Aspasia, concubina di Pericle. Era nota per la sua bellezza, celebrata anche da Ippia che, nella sua opera Synagoghé[1], la diceva esser stata moglie di quattordici uomini.[1]

Si dice di lei l'aver vissuto a lungo in Tessaglia, dove avrebbe esercitato con successo il "medismo", ovvero la propaganda in favore della politica persiana.[2]

Targelia infatti, grazie al suo fascino, fu in grado di guadagnare al re di Persia e al suo impero la simpatia dei suoi molti amanti, tutti personaggi di grande potere e influenza nella Grecia dei suoi tempi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ateneo di Naucrati, Deipnosophistai o I dotti a banchetto, XIII.
  2. ^ Thargelia in Encyclopaedia The Helios, 1952.
  3. ^ Plutarco, Vita di Pericle, XXIV (Lacus Curtius)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]