Stepan Michajlovič Levitskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stepan Michailovič Levitskij)
Levitskij, seduto a sinistra, nel 1913

Stepan Michajlovič Levitskij (noto anche con la grafia Stepan Levitsky o Levitzky, in russo: Степан Михайлович Левитский?; Zadonsk, 25 aprile 1876Nižnjaja Tura, 21 marzo 1924) è stato uno scacchista russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra i più forti scacchisti russi del ventennio 1900-1920, si mise in luce nel 1899 a San Pietroburgo con il 3º posto nel primo campionato russo, vinto da Čigorin.

Nel 1907 fu 2° dietro a Znosko-Borovskij a San Pietroburgo. Nello stesso anno perse un match contro Alapin (+0 =0 –5).

Nel 1911 vinse a San Pietroburgo il campionato russo per amatori (All-Russian Amateurs) con 16,5/21 e nel 1912 fu 3° nel campionato russo assoluto di Vilnius, dietro a Rubinstein e Bernstein, ma davanti tra gli altri a campioni quali Alechin (con cui vinse entrambe le partite) e Nimzowitsch. Questo è considerato il suo più notevole risultato.[1]

Nel 1913 giocò a San Pietroburgo un match contro Alechin, finanziato dall'uomo d'affari e appassionato di scacchi Tereshchenko, che pose come condizioni che sarebbe stato vincitore il primo ad aggiudicarsi sette partite (le patte non contavano) e che l'unica apertura permessa era 1. e4 e5, con le eccezioni della Partita spagnola e della Partita dei quattro cavalli. Levitskij perse +3 –7, ma considerata la grande forza del suo avversario questo risultato non è affatto disprezzabile.

Levitskij è noto per aver perduto una famosa partita contro Frank Marshall nel torneo di Breslavia 1912, chiamata spesso « l'Immortale di Marshall » (23. ...Dg3!!).[2]

Il suo stile di gioco mostrava una ricca immaginazione, con la tendenza a portarsi in posizioni molto tese, in cui poteva far valere la sua notevole forza combinativa. Ne è un tipico esempio una partita che vinse brillantemente in 25 mosse contro Alechin nel match del 1913, che può essere considerata « L'Immortale di Levitskij ».[3]

L'attacco Levitskij della partita di Donna 1. d4 d5 2. Ag5 (ECO D00), che introdusse in una partita contro Rubinstein a Vilnius nel 1913 (terminata patta) prende il suo nome. Questa apertura è basata su idee molto simili a quelle dell'attacco Trompowsky, ed ha incontrato recentemente il favore di diversi grandi maestri, tra cui Julian Hodgson e Igor Miladinović.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del torneo con classifica: Vilnius 1912 (All-Russian Masters)
  2. ^ Vedi la partita con diagramma finale alla voce su Frank Marshall.
  3. ^ Vedi la partita online: Partita del centro (C22)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]