Sistema di identificazione automatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Sistema di identificazione automatica (in inglese: Automatic Identification System - AIS, in francese Système d'identification automatique - SIA) o transponder o transceiver[1]. È un sistema automatico di tracciamento utilizzato su navi commerciali e da diporto a partire da 300 tonnellate, questo tramite un'apparecchiatura elettronica montata sull'unità, trasmettono i propri dati attraverso un sistema VHF predefinito che possono così essere ricevuti e visualizzati con l'ausilio di un sistema informatico.

Le informazioni fornite dall'apparecchiature AIS, quali l'identificazione del tipo di unità, la relativa posizione, la rotta e la velocità, possono essere visualizzata su uno schermo o un ECDIS. L'AIS ha lo scopo di assistere gli ufficiali di rotta di una nave e di consentire alle autorità marittime di monitorare i movimenti delle navi. L'AIS integra un ricetrasmettitore VHF standardizzato con un sistema di posizionamento come un LORAN o un ricevitore GPS, con altri sensori elettronici di navigazione, quali ad esempio una girobussola. Le navi al di fuori della copertura radio dell' AIS possono essere monitorati con il sistema di identificazione e tracciamento a lungo raggio (LRIT).

L'Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) e la Convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS) richiede che l'AIS siano montati a bordo di tutte le navi con stazza lorda superiore a 300 tonnellate, e su tutte le navi passeggeri, indipendentemente dalle dimensioni.

Nel 2007 è stato introdotto sul mercato l'AIS Classe B che ha permesso una nuova generazione di ricetrasmettitori a basso costo AIS rendendo appetibile per qualunque natante l'uso di questo strumento.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AIS: Cos'è, a cosa serve e come si installa

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sicurezza[modifica | modifica sorgente]


Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 196, in materia di "Attuazione della direttiva 2002/59/CE relativa all'istituzione di un sistema comunitario di monitoraggio e di informazione sul traffico navale." Decreto legislativo 16 febbraio 2011, n. 18, in materia di "Attuazione della direttiva 2009/17/CE concernente la modifica della direttiva 2002/59/CE relativa all'istituzione di un sistema comunitario di monitoraggio del traffico navale e di informazione."

Accesso libero all'AIS[modifica | modifica sorgente]

Senza richiesta di login

  • [1] (dettagli immediati dei natanti)