Shikotan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Šikotan
Шикотан
ShikotanSTS112-E-5660k.PNG
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico settentrionale
Coordinate 43°48′N 146°45′E / 43.8°N 146.75°E43.8; 146.75Coordinate: 43°48′N 146°45′E / 43.8°N 146.75°E43.8; 146.75
Arcipelago Isole Curili meridionali
Superficie 225 km²
Dimensioni 27 × 13 km
Altitudine massima 412 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Oblast' Sachalin Sachalin
Rajon Flag of Severo-Kurilsk (Sakhalin oblast).png Severo-Kuril'skij
Centro principale Malokuril’skoe
Cartografia
Demis - Shikotan.png
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Šikotan

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

Šikotan (in russo Шикотан; in giapponese 色丹島 Shikotan-tō), conosciuta anche come Španberg[1], è un'isola della Russia rivendicata dal Giappone. Fa parte delle isole Curili meridionali e si trova nell'Oceano Pacifico settentrionale.

L'insediamento principale è il villaggio di Malokuril’skoe, che contava 1100 abitanti nel 2007 e si trova a nord, l'unico altro villaggio è Krabozavodskoe, collegato al primo da una strada. La maggior parte della popolazione si dedica alla pesca e alla lavorazione del pesce. Sono presenti dei conservifici.

Il 4 ottobre del 1994 fu colpita da uno tsunami che lesionò gran parte del territorio.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola si trova 57 km a sud-est di Kunašir da cui è divisa dallo stretto delle Curili Meridionali (Южно-Курильским проливом); mentre lo stretto di Španberg (проливом Шпанберга) la divide da Polonskogo, una delle isole Chabomaj, situata 22 km a sud-ovest, e dalle isolette Oskolki.

Ci sono sull'isola, nella parte meridionale, due vulcani estinti: il monte Tomari e il monte Notoro. Lungo la costa sud-orientale ci sono tre piccole isole:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola fa parte dello storico territorio d'insediamento degli Ainu. Era già nota ai giapponesi quando fu scoperta dai russi durante la seconda spedizione della Kamchatka del 1733-1743, guidata da Vitus Bering, e denominata Figurny. In seguito, gli esploratori russi Vasilij Michajlovič Golovnin[2] e Pëtr Ivanovič Rikord[3] la chiamarono Čikotan[4]

Fino al 1855 lo status politico dell'isola rimase incerto: contesa dal Giappone (che stava attuando la sottomissione della locale popolazione Ainu) e dalla Russia. Il 7 febbraio 1855 con il Trattato di Shimoda, le due nazioni s'accordarono nel cederla (o confermarla) al Giappone, insieme al resto delle Curili meridionali. Nel agosto 1945, dopo la sconfitta del Giappone nella seconda guerra mondiale, fu occupata militarmente dall'URSS che ne mantenne sempre il controllo per i decenni seguenti. Occupazione mai riconusciuta dal Giappone che continua a rivendicarne la sovranità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Così battezzata dai russi nel 1796, in onore di Martin Spangberg.
  2. ^ (RU) Головнин Василий Михайлович
  3. ^ (RU) Рикорд, Петр Иванович
  4. ^ Головнин В. М. «Приключения в плену у японцев». М. Захаров, 2004. стр. 312

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]