Shadow DN5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shadow DN5
1975 Shadow-Cosworth DN5.jpg
Una Shadow DN5 al Festival di Goodwood 2009
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Shadow
Categoria Formula 1
Squadra Shadow Racing Team
Progettata da Tony Southgate
Dave Wass
Sostituisce Shadow DN3
Sostituita da Shadow DN7
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in alluminio
Motore Ford Cosworth DFV 3.0 V8
Trasmissione Hewland TL200 a 6 rapporti manuale
Dimensioni e pesi
Passo 2667 mm
Peso 589 kg
Altro
Carburante UOP
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Argentina 1975
Piloti 1975-1976
16. Tom Pryce
17. Jean-Pierre Jarier
1977
17. Renzo Zorzi
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
32 0 3 2

La Shadow DN5 fu una vettura di Formula 1 che fece il suo debutto al Gran Premio del Sud Africa 1975 con al volante Jean-Pierre Jarier ottenendo subito la pole position ma essendo costretta da un guasto alla trasmissione ad abbandonare la gara. Progettata da Tony Southgate e Dave Wass, veniva spinta dal tradizionale motore Ford Cosworth DFV e possedeva il cambio Hewland TL200.

Iscritta in 14 gran premi fu una delle Shadow più competitive: ottenne altre due pole (Gran Premio del Brasile 1975 sempre con Jean-Pierre Jarier e Gran Premio di Gran Bretagna 1975 con Tom Pryce), la seconda e terza piazza in prova in quello di Monaco. In gara il suo comportamento fu meno competitivo. Pryce fu terzo in Austria, Jarier fu quarto in Spagna, mentre quarto fu ancora Pryce in Germania. Nella stagione ottenne anche due sesti posti sempre con Pryce in Belgio e Italia. Jarier ottenne il giro più veloce in Brasile.

Vinse la Race of Champions 1975 con Tom Pryce, tradizionale gara non valida per il mondiale di inizio primavera.

Modello B[modifica | modifica sorgente]

La Shadow DN5B corse tra il 1976 e il 1977 18 gran premi ma fu meno competitiva del modello originario. Esordì nel Gran Premio del Brasile 1976 ottenendo il terzo posto con Tom Pryce e il terzo posto in prova con Jean-Pierre Jarier che segnò anche il giro più veloce. I risultati però non furono all'altezza del modello A. Da segnalare solo un quarto posto con Pryce in Gran Bretagna.

Corse fino al Gran Premio del Brasile 1977, conquistando il sesto posto con Renzo Zorzi.

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1