Salame di Felino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salame di Felino
Salame di Felino.jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Emilia-Romagna
Zona di produzione Felino, Sala Baganza e Langhirano
Dettagli
Categoria contorno
Riconoscimento I.G.P. - P.T.N.
Settore Prodotti di carne e derivati
 

Il salame di Felino, è un salame italiano, prodotto storicamente nella cittadina di Felino (da cui il nome) e in alcuni comuni limitrofi, come Sala Baganza e Langhirano, tutti in provincia di Parma. In tutta l'Emilia-Romagna, e anche in altre regioni, si produce un salame simile che non essendo appunto prodotto nella provincia di Parma (dove si trova la cittadina di Felino) viene chiamato comunemente salame "tipo Felino"

Composizione e ricetta[modifica | modifica sorgente]

Il salame di Felino si produce per tradizione con pura carne di suino maiale. L'impasto è costituito da carne di maiale chiamata "trito di banco" (sottospalla dell'animale), all'incirca composta da un 70% di magro e un 30% di parti grasse scelte. La macinazione avviene con trafile medie, ottenendo un impasto a grana medio-grossa che viene addizionato con sale, pepe a grani interi. Solitamente vengono aggiunte piccole quantità di nitrato di potassio e talvolta anche ascorbati (antiossidanti e regolatori di acidità) e zuccheri. Dopo la macinazione, vengono aggiunti anche aglio e pepe pestati e sciolti in vino bianco secco, quindi l'impasto viene insaccato in budello naturale suino di origine danese. Tradizionalmente, per la confezione del salame di Felino si utilizza il cosiddetto budello gentile, ossia la parte intestinale del maiale che corrisponde al retto: si tratta di un budello d'aspetto liscio e dal grosso spessore, che consente di mantenere morbido l'impasto che contiene anche dopo stagionature lunghe. La stagionatura ideale per il salame di Felino è di almeno 60 giorni, propiziata dal particolare microclima della località parmense. Oggi la maggioranza di produttori di Salame Felino utilizza, per la stagionatura del prodotto, ambienti appositi a temperatura controllata.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica sorgente]

Si presenta con una fetta di colore rosso intenso, con il bianco del grasso macinato. La compattezza della carne è strettamente legata alla stagionatura ed alla qualità della carne utilizzata per produrre il salame. Il profumo è intenso, molto caratteristico, mentre il sapore è delicato.

A tavola[modifica | modifica sorgente]

È uno degli antipasti più tipici del parmense, specialmente se accoppiato col Prosciutto di Parma, che si produce nella stessa zona. Solitamente, si abbina con un vino Lambrusco (sia quelli reggiani e modenesi, sia quelli parmensi prodotti con la Indicazione Geografica Tipica Emilia).

Il taglio[modifica | modifica sorgente]

Tradizionalmente viene tagliato in modo diagonale creando quindi delle fette ovali, di lunghezza circa doppia rispetto al diametro del salame. Per gustarlo al meglio è molto importante lo spessore: tradizionalmente le fette devono essere spesse quanto un grano di pepe.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il paese di Felino ha dedicato al salame un museo storico.

Nella Bassa Parmense si produce un salame molto simile al Felino, insaccato nel medesimo budello. Si chiama salame gentile.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il Salame di Felino è stato riconosciuto dal Ministero delle Politiche agricole e dalla regione come prodotto agroalimentare tradizionale. La Comunità europea [1] ha operato il riconoscimento dell'IGP.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 186/2013 DELLA COMMISSIONE del 5 marzo 2013

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]