Rustichello da Pisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rustichello da Pisa (... – XIV secolo) è stato uno scrittore italiano, noto soprattutto per aver trascritto il resoconto dei viaggi di Marco Polo, conosciuto come Il Milione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver appreso la lingua francese a Pisa ed averne probabilmente perfezionato la conoscenza durante soggiorni in Inghilterra o in Terra Santa, Rustichello scrisse una compilazione in prosa di romanzi arturiani preesistenti entro il 1271 (Tristano in prosa e Lancelot-Graal). La fonte fu probabilmente un libro in possesso del re Edoardo I d'Inghilterra, che consegnò il volume a Rustichello durante il suo passaggio dall'Inghilterra alla Terra Santa per partecipare alla ottava crociata guidata dal re di Francia Luigi IX il Santo. La redazione più vicina all'originale è tramandata dal manoscritto fr. 1463 della Bibliothèque Nationale di Parigi, copiato a Genova alla fine del XIII secolo. In altri manoscritti più tardi, il romanzo è stato interpolato col Guiron le Courtois, e diviso in due sezioni, intitolate Meliadus e Guiron le Courtois.

Rustichello, prigioniero a Genova in seguito agli eventi successivi alla battaglia della Meloria del 1284, conobbe Marco Polo, anch'egli prigioniero, forse nel 1298, in seguito alla sconfitta veneziana di Curzola. Durante la prigionia, nelle carceri di Palazzo San Giorgio a Genova, Marco Polo raccontò a Rustichello le memorie dei propri viaggi, il quale le trascrisse in lingua d'oïl ne Le divisament dou monde ("La descrizione del mondo"), noto con il titolo de Il Milione. La sua stesura del Milione è criticata per le frequenti ed evidenti inserzioni sia di episodi moraleggianti sia di battaglie che si succedono una uguale all'altra, di evidente derivazione dalle sue "opere" precedenti.

« Benché in mezzo a continue nodosità, i suoi colleghi sapevano riuscire freschi; Rustichello appare soltanto noioso. E distratto, con scarsa o punta logica, e addirittura scervellato: un industre artigiano della penna, col solo scopo di salvaguardare la cosiddetta morale. Se fu lui ad accogliere la dettatura del Polo, due collaboratori letterari non furono mai così male assortiti. »
(Ettore Camesasca, Il milione, Istituto Geografico DeAgostini 1965, p.16)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Girone il cortese: romanzo cavalleresco di Rustico o Rusticiano da Pisa, volgarizzamento inedito del buon secolo pubblicato con note dal dott. Francesco Tassi, Firenze 1855
  • Marco Polo. Il Milione, a cura di Luigi Foscolo Benedetto, Firenze 1928.
  • Il Milione. Versione toscana trecentesca, a cura di Valeria Bertolucci Pizzorusso, Adeplhi, Milano 1975.
  • Il romanzo arturiano di Rustichello da Pisa, edizione critica, traduzione e commento a cura di Fabrizio Cigni, premessa di Valeria Bertolucci Pizzorusso, Pacini, Pisa 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 288838602 LCCN: no95038653