Richard Gordon (astronauta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Gordon
Richard F. Gordon.jpg
Astronauta della NASA
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Status Ritirato
Data di nascita 5 ottobre 1929
Data della scelta 18 ottobre 1963
(terzo gruppo NASA)
Primo lancio 12 settembre 1966
Ultimo atterraggio 24 novembre 1969
Altre attività Pilota collaudatore
Tempo nello spazio 13g 3h 53min
Numero EVA 1
Durata EVA 38min
Missioni
Data ritiro gennaio 1972

Richard Francis Gordon, Jr. (Seattle, 5 ottobre 1929) è un ex astronauta statunitense.

Gordon era pilota della missione Gemini 11 e pilota del modulo di comando della missione lunare Apollo 12. È stato riserva di David Scott per il volo di Gemini 8 (come pilota) e di Apollo 9 (pilota del modulo di comando, o "CMP"); riserva sempre di Scott per il volo lunare di Apollo 15. Sarebbe dovuto essere il comandante di Apollo 18 e scendere sulla luna con il geologo Harrison H. Schmitt. Dopo il disastro di Apollo 13, furono annullate le missioni Apollo 18 e 19, e Gordon perse l'opportunità di camminare sulla Luna (nel volo di Apollo 12 rimase in orbita mentre i compagni Conrad e Bean effettuavano il secondo sbarco sulla Luna).

Apollo 17 ed Apollo 18[modifica | modifica sorgente]

Ci fu, in realtà, una piccola speranza di assumere il comando di Apollo 17, in quanto la Comunità Scientifica americana insisteva nel voler mandare sulla Luna uno scienziato; l'unico scienziato della NASA ad aver i requisiti per compiere un tale viaggio era proprio Schmitt, compagno di Gordon nella lista di equipaggi creata da Deke Slayton.

Slayton, capo dell'Ufficio Astronauti, era solito creare equipaggi costituiti da persone con affinità caratteriali e di competenza professionale e che difficilmente (successe solo per il volo di Apollo 13) venivano smembrati per crearne altri. Fu così che per un breve periodo si ipotizzò di sostituire l'equipaggio originale di Apollo 17 (E.Cernan, R.Evans e J.Engle che già avevano lavorato come riserva di Apollo 14) con l'equipaggio di Gordon (che oltre a Schmitt comprendeva anche Vance Brand, futuro comandante di Space Shuttle).

Uno dei responsabili Apollo, l'ex astronauta James McDivitt (Gemini 4 e Apollo 9), insieme agli astronauti Scott e Conrad (rispettivamente comandanti di Apollo 15 e Apollo 12) ritenendo Cernan inadatto al compito di comandante (Cernan fu pilota di Gemini 9 e di Apollo 10; nel 1971 fu protagonista di un banale e stupido incidente con l'elicottero che rischiò di fargli perdere il posto alla NASA se l'accaduto non fosse stato "occultato" da Slayton ai vertici della NASA) spinsero la candidatura dell'equipaggio di Gordon; d'altro canto Alan Shepard,il primo Americano nello spazio e di cui Cernan fu riserva per Apollo 14, e lo stesso Slayton insieme all'ex astronauta Stafford (che fu comandante di Cernan su Gemini 9 e Apollo 10) riuscirono a convincere i vertici NASA a lasciare il comando a Cernan sostituendo Joe H. Engle con Harrison H. Schmitt come pilota del modulo Lunare "LMP" per il volo Apollo 17 che fu l'ultimo, fino ad oggi, a raggiungere la Luna. Nel 1972 Gordon lasciò la NASA e la US NAVY di cui era Capitano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Polvere di Luna" di Andrew Smith
  • "Rocket Man" di Nancy Conrad
  • "Man on the Moon" Andrew Chaikyn
  • "Ritorno sulla Luna-Apollo 14" di Antonio Lo Campo, 1996
  • "Last Man on the Moon" di Eugene A.Cernan,1999
  • "Last but not Least" riv.Astronautica, di Mario Cerrato,1992
  • "Apollo" di Alan L.Bean

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]