Reseda luteola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Guaderella
Reseda lutea1.jpg
Reseda lutea
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Capparales
Sottordine Resedineae
Famiglia Resedaceae
Genere Reseda
Specie R. luteola
Classificazione APG
Regno Plantae
Clade Angiospermae
Clade Eudicotiledoni
Ordine Brassicales
Famiglia Resedaceae
Nomenclatura binomiale
Reseda luteola
L., 1753
Sinonimi

Arkopoda luteola
(L.) Raf.
Luteola resedoides
Fuss
Luteola tinctoria
Webb & Berthel.
Reseda crispata
Link
Reseda dimerocarpa
(Müll.Arg.) Rouy & Foucaud
Reseda gussonei
Boiss. & Reut.
Reseda luteola subsp. dimerocarpa
(Müll.Arg.) Abdallah & de Wit
Reseda luteola subsp. gussonei
(Boiss. & Reut.) Franco
Reseda pseudovirens
Friv. ex Hampe

Nomi comuni

Erba guada
Luteola

Sottospecie
  • R. l. subsp. luteola
  • R. l. subsp. biaui

La guaderella (Reseda luteola L., 1753), nota anche col nome comune di erba guada o luteola, è una pianta appartenente alla famiglia Resedaceae,[1] diffusa in Eurasia, Nordafrica e Nordamerica.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Alta circa un metro, con frutto a capsula e fiore piccolo e sgargiante, foglie lanceolate e fusto liscio. La pianta contiene una sostanza, detta luteolina, che agisce come colorante piuttosto potente.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Cresce spontanea in tutta Europa e predilige come habitat i muri e le macerie.

Utilizzi[modifica | modifica sorgente]

Può essere coltivata per la tintura della seta o per realizzare prodotti dell'industria cosmetica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Reseda luteola in The Plant List. URL consultato il 15 giugno 2014.
  2. ^ (EN) Reseda luteola in Germplasm Resources Information Network. URL consultato il 15 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L'Enciclopedia, a cura del quotidiano La Repubblica, 2003.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]