Remora osteochir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Remora grigia
Immagine di Remora osteochir mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Echeneidae
Genere Remora
Specie R.osteochir
Nomenclatura binomiale
Remora osteochir
Cuvier, 1829
Sinonimi

Rhombochirus osteochir

Nomi comuni

Remora grigia,
Remora dei marlin

La Remora dei marlin o remora grigia (Remora osteochir) è un pesce di mare appartenente alla famiglia Echeneidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è cosmopolita in tutti i mari tropicali e subtropicali ed è presente anche nel mar Mediterraneo dove è abbastanza comune.

Il suo habitat è pelagico come quello dei suoi ospiti.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il suo aspetto, come quello di tutte le remore, è caratteristico, infatti è presente un disco adesivo dorsale derivato da una pinna dorsale modificata. Si riconosce dalle congeneri per i seguenti caratteri:

  • il disco cefalico è lunghissimo e supera lungamente l'apice delle pinne pettorali
  • la pinna pettorale ha forma trapezoidale con raggi ossificati e rigidi
  • il colore è grigio piombo con riflessi azzurri con dorso più scuro e le pinne sono scure.

Raggiunge i 30 cm.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba soprattutto di crostacei che reperisce sulla pelle del pesce che la ospita.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Come tutte le remore vive come commensale con animali marini di grossa taglia a cui si attacca con la ventosa cefalica. Questa specie è tipicamente associata ai grandi pesci rostrati come il pesce spada, l'aguglia imperiale ed il marlin bianco. In genere si attacca alla zona degli opercoli branchiali in 2 o 3 individui.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Si cattura assieme all'ospite ma in genere riesce a staccarsi in tempo. Abbocca alle lenze se separata dal grosso pesce assieme a cui vive.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, 2004ª ed., Milano, Il Castello, 2004. ISBN 8880393952.
  • Patrick Louisy in Trainito, Egidio (a cura di), Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2006. ISBN 888039472X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci