Regola di selezione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le regole di selezione sono condizioni che gli stati iniziale e finale di un sistema devono soddisfare affinché tra di essi possa verificarsi una transizione energetica.

Esse vengono ricavate da una trattazione quantistica del sistema e in particolare da relazioni matematiche che devono verificarsi per l'applicazione di operatori, specifici della spettroscopia considerata, sulle funzioni d'onda che descrivono gli stati del sistema. Particolarmente degno di nota è il ruolo assunto dal vettore momento di dipolo di transizione.

Per la spettroscopia elettronica, ad esempio, le regole di selezione sono:

  • regola di selezione di parità o regola di Laporte, per cui vale  u \gets \; g oppure  g \gets \; u
  • regola di selezione di spin, per cui vale  \operatorname \Delta S=0
  • regola di selezione di simmetria.

È però da rimarcare il fatto che alcune transizioni teoricamente proibite possono verificarsi nella pratica comune, seppure talvolta con intensità davvero modesta, in seguito a variazioni flussionali di simmetria o ad accoppiamento vibronico.

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica