Raphia (botanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Raphia
Raphia australis.jpg
Raphia australis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Arecales
Famiglia Arecaceae
Sottofamiglia Calamoideae
Tribù Calameae
Genere Raphia
P.Beauv., 1806
Specie
  • vedi testo

Raphia P.Beauv., 1806 è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Arecaceae.

Infruttescenza con frutti – Museo di Tolosa.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende le seguenti specie:

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle specie del genere Raphia si trovano nell'Africa subsahariana ed in Madagascar; una specie, R. taedigera, è nativa del Sud America, e una, R. australis, del Sudafrica, al confine tra KwaZulu-Natal e Mozambico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le piante di questo genere hanno fusti alti sino a 20 m e foglie pennate spesso altrettanto lunghe: le foglie di Raphia regalis, con i loro 25 m, sono considerate le foglie più lunghe tra tutte le angiosperme[1].
Sono piante monocarpiche, che fioriscono e fruttificano una sola volta nella loro vita e muoiono una volta che si è compiuta la maturazione dei semi. Dopo che il vecchio fusto si è disseccato la pianta genera nuovi fusti dai polloni.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Fibra di Raffia

Dalle foglie si ricava una fibra tenace e grossolana, la rafia, impiegata nell'industria dei cordami, in alternativa alla juta, nella cesteria e negli articoli da intreccio. Un uso tradizionale, ancora presente. è l'utilizzo come guarnizione nel montaggio di giunti filettati di piccole tubazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hallé, F., The longest leaf in palms? in Principes 1977; 21: 18..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica