Queen's Sudan Medal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Queen's Sudan Medal
Queen's Sudan Medal
Obv.jpg Queens Sudan Medal rev.jpg
Flag of the United Kingdom.svg
Regno Unito
Tipo Medaglia di campagna militare
Status cessato
Istituzione Londra, 1899
Concessa a militari britannici e egiziani
Concessa per partecipazione alle Campagna del Sudan
Diametro 36.5 mm
Gradi argento e bronzo
Onorificenze per le campagne di guerra britanniche
Queens Sudan Medal BAR.svg
Nastro della medaglia

La Queens Sudan Medal era una medaglia di campagna militare inglese coniata per ricompensare quanti avessero partecipato alla campagna militare nel Sudan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Queen's Sudan Medal venne concessa al personale militare britannico ed egiziano che avesse preso parte alla campagna nel Sudan tra il 1896 ed il 1898. Inizialmente furono solo le truppe egiziane ad essere attaccate. Questa campagna venne descritta come la "riconquista del Sudan" in quanto mentre altri paesi come Italia, Germania, Francia e Belgio stavano espandendo le loro colonie in Africa, i cui il Sudan poteva essere una, l'esercito britannico decise di occuparlo. Una delle battaglie più famose di questa operazione fu quella di Omdurman ove combatté l'allora luogotenente Winston Churchill che venne pertanto decorato con questa medaglia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia è costituita da un disco d'argento sul quale è raffigurata sul diritto l'effigie a mezzo busto dell'anziana regina Vittoria d'Inghilterra rivolta verso sinistra, con lo scettro in mano, e corredata dal titolo VICTORIA REGINA ET IMPERATRIX in latino. Sul retro la medaglia presenta la vittoria alata circondata da bandiere britanniche ed egiziane e sovrastante un cartiglio con la scritta "SUDAN".

Il nastro era metà giallo e metà verde con una piccola striscia rossa in mezzo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mackay, J and Mussel, J (eds) - Medals Yearbook - 2005, (2004), Token Publishing.
  • Joslin, Litherland, and Simpkin (eds), British Battles and Medals, (1988), Spink