Battaglia di Omdurman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Omdurman
parte della guerra mahdista
Rappresentazione della battaglia
Rappresentazione della battaglia
Data 2 settembre 1898
Luogo Omdurman, Khartum, Sudan
Esito Vittoria anglo-egiziana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
8.200 inglesi
17.600 soldati egiziani e sudanesi
52.000 guerrieri
Perdite
47 uccisi
340 feriti
9.700 uccisi
13.000 feriti
5.000 priogionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Omdurman ebbe luogo in Sudan nel settembre 1898, durante la guerra Mahdista.

Dal 1881 il Sudan è governato dai Dervisci, musulmani che riconoscono il Mahdi come loro capo spirituale e vero successore di Maometto. Essi hanno inflitto gravi sconfitte a inglesi ed egiziani, loro alleati, ma nel 1896 il governo britannico avvia la riconquista del paese. Un corpo di spedizione anglo-egiziano comandato da Lord Kitchener avanza per terra e lungo il Nilo verso Omdurman, la capitale dei Mahdisti (oggi sobborgo di Khartum). In settembre il corpo - formato da truppe appiedate, due ali di cavalleria e cammellati e a monte e a valle del Nilo, due flottiglie di cannoniere a vapore - si schiera davanti alla città. Il 2 settembre il califfo Abdullah, successore di Mahdi, contrattacca con 50 000 Dervisci armati di lance, spade e pochi fucili; i Dervisci sono prima frenati dalla Zeriba (un recinto protettivo fatto con materiale di recupero, compresi cespugli spinosi), quindi falciati da cannoni campali e navali e dalle nuove mitragliatrici automatiche Maxim, capaci di sparare 500 colpi al minuto. Il califfo Abdullah muore in battaglia.

Il Sudan verrà rioccupato entro il 1900 e resterà britannico sino al 1956.

Forze sul campo[modifica | modifica wikitesto]

  • Anglo-egiziani:
    • Fanteria e cavalleria: 20000
    • Cannoni: 100
  • Morti e feriti: 387

Dervisci:

  • Guerrieri: 50000
  • Morti: 11000
  • Feriti: 10000/16000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra