Protaso di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Protaso
(vescovo di Milano)

Vescovo

Nascita  ?
Morte 344 circa
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione pre canonizzazione
Ricorrenza 24 novembre
Protaso
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Milano
Nato  ?, Milano
Deceduto 344 circa, Milano

Protàso, o Protasio (... – Milano, 344 circa), fu vescovo di Milano dal 328 circa fino alla sua morte, ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Poco si conosce di san Protaso, ottavo vescovo di Milano. Portava lo stesso nome del più famoso san Protaso, martire pure a Milano.

Secondo una tradizione durata almeno fino al XIX secolo, veniva presentato come membro della famiglia aristocratica milanese degli Algisi.

Si batté contro l'arianesimo difendendo Atanasio di Alessandria dalle accuse che gli erano state rivolte dall'imperatore Costante I nel processo che si svolse durante il Concilio di Sardica (attuale Sofia) del 343-344.

Morì attorno al 344. Alla sua morte, la sua salma venne traslata nella chiesa di San Vittore di Milano. A lui fu dedicato l'Oratorio di San Protaso al Lorenteggio, edificato dai canonici di San Vittore attorno all'anno 1000, e ancora esistente nella periferia di Milano.

La chiesa ambrosiana lo ricorda il 24 novembre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Milano Successore BishopCoA PioM.svg
San Materno 328 circa - 344 circa Sant'Eustorgio di Milano