Propithecus deckenii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sifaka di Decken
Van der Decken's Sifaka in Namoroka.jpg
Propithecus deckenii
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Indriidae
Genere Propithecus
Specie P. deckenii
Nomenclatura binomiale
Propithecus deckenii
A. Grandidier, 1867
Sinonimi

Propithecus verreauxi deckenii

Areale

Propithecus deckenii range map.svg

Il sifaka di Decken (Propithecus deckenii A. Grandidier, 1867) è un lemure appartenente alla famiglia Indriidae.[2] Come tutti i lemuri, è endemico del Madagascar.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sono lemuri di taglia medio-grande: hanno una lunghezza media di 92–107 cm e un peso di 5-6,5 kg. La coda è lunga 42–48 cm.
La faccia è glabra e nera, mentre gli occhi sono di color arancio-scuro.
Il pelo è color bianco-crema, con tinte dorate, grigiastre o brune nella zona dorsale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di animali diurni e arboricoli. Sono abili arrampicatori e potenti saltatori, capaci di compiere lunghi balzi da un albero all'altro.

Sono animali sociali, organizzati in gruppi da 2 a 10 esemplari (anche se mediamente un gruppo conta 4-5 esemplari), con un maschio e una femmina dominanti.

Amano crogiolarsi al sole nelle prime ore del mattino, stendendosi sul dorso ed appoggiando le zampe anteriori su quelle posteriori tenute incrociate.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Sono erbivori: si nutrono di foglie, fiori e frutti.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Al pari degli altri lemuri i P. deckeni sottostanno ad una stretta stagionalità riproduttiva: le femmine sono ricettive per pochi giorni all'anno, in febbraio-marzo. Dopo una gestazione di 4-5 mesi danno alla luce in media un piccolo ogni 2 anni.

Il piccolo rimane aggrappato saldamente al ventre materno sino al gennaio dell'anno successivo: nel frattempo comincia i suoi primi salti da solo, che spesso hanno esito negativo (l'analisi di ossa di sifaka ha rivelato la presenza di molte fratture suturatesi spontaneamente, segno che i balzi non sempre vanno a buon fine).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È diffuso nel Madagascar occidentale, dove colonizza le aree di foresta decidua secca.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La sottospecie nominale (Propithecus deckenii deckenii) veniva fino a poco tempo fa classificata come sottospecie del sifaka di Verreaux (Propithecus verreauxi deckenii), così come l'attuale sottospecie P. deckenii coronatus (P. verreauxi coronatus); alcuni autori riterrebbero quest'ultima sottospecie una specie a sé stante (Propithecus coronatus).

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List classifica P. deckenii come specie in pericolo.[1]

Parte del suo areale ricade all'interno di aree protette quali il Parco nazionale Tsingy di Bemaraha e la Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha, il Parco nazionale della Baia di Baly e il Parco nazionale Tsingy di Namoroka.

La specie è inserita nella Appendice I della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Andrainarivo C. et al. 2008, Propithecus deckenii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Colin Groves, Propithecus deckenii in D.E. Wilson e D.M. Reeder (a cura di), Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mayor MI, Julie A. Sommer, Marlys L. Houck, John R. Zaonarivelo, Patricia C. Wright, Colleen Ingram, Stacia R. Engel and Edward E. Louis, Specific Status of Propithecus spp in International Journal of Primatology 2004; 25(4): 875-900.
  • Mittermeier, R.A., Valladares-Pádua, C. Rylands, A.B., Eudey, A.A., Butynski, T.M., Ganzhorn, J.U., Kormos, R. and Walker, S, Primates in Peril: The World’s 25 Most Endangered Primates 2004-2006, Conservation International/IUCN/SSC Primate Specialist Group.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]