Poste vaticane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poste vaticane
Logo
Stato Città del Vaticano Città del Vaticano
Fondazione 11 febbraio 1929
Fondata da stemma Santa Sede
bandiera Regno d'Italia
Sede principale Via del Belvedere
00120 Città del Vaticano
Filiali 4 filiali
Persone chiave
  • don Attilio Riva F.D.P.
    Capo Ufficio
Prodotti Prodotti e servizi postali
Sito web www.vaticanstate.va/content/vaticanstate/it/servizi/poste-vaticane.html

Le Poste vaticane sono l'operatore postale della Città del Vaticano. Dipendono dalla Direzione delle Telecomunicazioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le Poste Vaticane nascono ufficialmente con la nascita dello Stato della Città del Vaticano l'11 febbraio 1929, con la firma dei Patti Lateranensi.

Il 1º giugno 1929 la Città del Vaticano entrò nell'UPU e il governo italiano fornì al nuovo Stato tutti i mezzi per la nuova istituzione.

L'attivazione del servizio postale vaticano fu stabilita dall'Ordinanza VIII del 30 luglio 1929, che entrò in vigore il giorno successivo.

Le cartoline con francobolli vaticani non possono essere spedite né dall'Italia e neppure da San Marino.

Il Servizio Poste Vaticane dipende dalla Direzione delle Telecomunicazioni del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

Dal 1º febbraio 2008 il Direttore delle Telecomunicazioni è Sua Eccellenza Mons. Fernando Vérgez.

Attuale Capo Ufficio del Servizio Poste Vaticane dello Stato della Città del Vaticano è don Attilio Riva, F.D.P.

Dal 1998 Poste Vaticane è membro dello Small European Postal Administrations Cooperation.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Le Poste vaticane dispongono di una sede centrale, situata in via del Belvedere a circa 100 metri dall'entrata di Porta Sant'Anna, e di tre succursali, denominate per la loro posizione Musei, Guardia Svizzera, Arco Campane.

A queste si aggiunge, in via sperimentale dal 20 dicembre 2010, un ufficio mobile, sito nell'emiciclo sinistro di piazza San Pietro.


Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]