Porpora (medicina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Porpora
Vasculitis.JPG
Macchie dovute a porpora e petecchie in un caso di vasculite
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 287
ICD-10 (EN) D69

Per porpora in campo medico, si intende un insieme di malattie avente come caratteristica comune un quadro emorragico a livello dei tessuti caratterizzato da macchie di dimensioni variabili che non scompaiono alla digito-vitro-pressione[1] . Il termine porpora deriva in effetti proprio (dal latino) dal colore che la cute assume per l'accumulo anomalo del sangue. Alcune forme in letteratura sono considerate psicogene.[2]

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La persona non deve assumere farmaci quali aspirina, mentre nessuno è indicato per prevenire la formazione delle ecchimosi. La condizione in ogni caso non è grave e non richiede intervento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tullio Cainelli, Alberto Giannetti, Alfredo Rebora, Manuale di dermatologia medica e chirurgica. in Pediatric emergency care, vol. 15, nº 1, 1999, pp. 47-8, PMID 10069314.
  2. ^ Anderson JE, DeGoff W, McNamara M, Autoerythrocyte sensitization (psychogenic purpura): a case report and review of the literature.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  • Tullio Cainelli, Riannetti Alberto, Rebora Alfredo, Manuale di dermatologia medica e chirurgia terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2004, ISBN 978-88-386-2387-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina