Pioggia di sangue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La pioggia di sangue è un fenomeno meteorologico che consiste in una precipitazione piovosa di colore rosso. L'aspetto inconsueto ha fatto pensare in passato che si trattasse di sangue che cadeva dal cielo, spesso interpretato come evento soprannaturale. Nella maggior parte dei casi la pioggia di sangue è dovuta a polveri atmosferiche (come sabbia del deserto) che colorano l'acqua.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la storia ci sono molte attestazioni, letterarie e storiografiche, di presunte piogge di sangue:

Pioggia gialla e nera[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono stati casi di pioggia con altri colori insoliti. Il 28 aprile 1884 in Inghilterra, tra Church Stretton e Much Wenlock si abbatté un violento temporale di pioggia nera, che sembrava inchiostro, forse dovuto ad anomale concentrazioni di carbone nell'aria.[1] Nel Kentucky, il 12 marzo 1867 si ebbe una pioggia gialla di più di 60 mm, dovuta probabilmente a una concentrazione inconsueta di pollini.[1]

Neve[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono stati alcuni esempi di neve rossa (come a Pechino, nel 2001),[2] gialla (come nell'Appennino tosco-emiliano, nel 2004)[3] o nera, dovuta alla presenza di pollini, di sabbia desertica, di fumi industriali o polvere vulcanica nei fiocchi stessi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c William R. Corliss, Il libro dei misteri naturali, Milano, Armenia [1977], 2006, pp. 193–194.
  2. ^ La dama "rossa" visita Pechino: città paralizzata. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  3. ^ Gazzetta di Modena: Alba rossa e neve gialla: era la sabbia del Sahara. URL consultato il 13 gennaio 2013.
Meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Meteorologia