Pestalotiopsis microspora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pestalotiopsis microspora
Missing.png
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Ascomycota
Sottodivisione Pezizomycotina
Classe Sordariomycetes
Sottoclasse Xylariomycetidae
Ordine Xylariales
Famiglia Amphisphaeriaceae
Genere Pestalotiopsis
Specie P. microspora
Nomenclatura binomiale
Pestalotiopsis microspora
(Speg.) G.C. Zhao & N. Li, in Batista et al., 1995

Pestalotiopsis microspora (Speg.) G.C. Zhao & N. Li, in Batista et al. 1995[1] è una specie di fungo ascomicete patogeno di piante superiori endofita, trovato anche nella foresta amazzonica, che ha mostrato la capacità di digerire e metabolizzare il poliuretano.[2]

Infatti in uno studio, apparso sulla rivista scientifica: "Applied and Environmental Microbiology" nel febbraio 2012, due ceppi di Pestalotiopsis Microspora isolati hanno mostrato la capacità di crescere su un substrato di poliuretano (PUR) come unica fonte di carbonio sia in condizioni aerobiche e anaerobiche. La caratterizzazione molecolare di questa attività metabolica suggerisce che una idrolasi dell'aminoacido serina è responsabile della degradazione del PUR.[2]

Altre ricerche, più datate, indicano la capacità del fungo Pestalotiopsis microspora di indurre la produzione di taxolo un potente chemioterapico da piante di origine himalaiana delle quali è un endofita;[3][4][5] mostrando, verso questa sostanza inibente la beta-tubulina presente microtubuli assemblati delle cellule eucariote, una resistenza (IC50) pari a 11,7 microM.[6]

Il genere fungino Pestalotiopsis, e tra queste le specie: Pestalotiopsis microspora, Pestalotiopsis vismiae e Pestalotiopsis leucothoes, vantano anche proprietà antibatteriche sui seguenti batteri: Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Micrococcus luteus, Staphylococcus aureus, e Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA).[7]

Inoltre, il fungo è in grado di modificare strutturalmente l'acido ursolico.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Species Fungorum - Names Record. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  2. ^ a b Russell JR, Huang J, Anand P, et al., Biodegradation of polyester polyurethane by endophytic fungi in Appl. Environ. Microbiol., vol. 77, nº 17, settembre 2011, pp. 6076–84, DOI:10.1128/AEM.00521-11, PMC 3165411, PMID 21764951.
  3. ^ AM. Metz, A. Haddad; J. Worapong; DM. Long; EJ. Ford; WM. Hess; GA. Strobel, Induction of the sexual stage of Pestalotiopsis microspora, a taxol-producing fungus. in Microbiology, 146 ( Pt 8), agosto 2000, pp. 2079-89, PMID 10931912.
  4. ^ JY. Li, G. Strobel; R. Sidhu; WM. Hess; EJ. Ford, Endophytic taxol-producing fungi from bald cypress, Taxodium distichum. in Microbiology, 142 ( Pt 8), agosto 1996, pp. 2223-6, PMID 8760934.
  5. ^ G. Strobel, X. Yang; J. Sears; R. Kramer; RS. Sidhu; WM. Hess, Taxol from Pestalotiopsis microspora, an endophytic fungus of Taxus wallachiana. in Microbiology, 142 ( Pt 2), febbraio 1996, pp. 435-40, PMID 8932715.
  6. ^ JH. Mu, AP. Bollon; RS. Sidhu, Analysis of beta-tubulin cDNAs from taxol-resistant Pestalotiopsis microspora and taxol-sensitive Pythium ultimum and comparison of the taxol-binding properties of their products. in Mol Gen Genet, vol. 262, 4-5, dicembre 1999, pp. 857-68, PMID 10628871.
  7. ^ J. Gomes-Figueiredo, IC. Pimentel; VA. Vicente; MR. Pie; V. Kava-Cordeiro; L. Galli-Terasawa; JO. Pereira; AQ. de Souza; C. Glienke, Bioprospecting highly diverse endophytic Pestalotiopsis spp. with antibacterial properties from Maytenus ilicifolia, a medicinal plant from Brazil. in Can J Microbiol, vol. 53, nº 10, ottobre 2007, pp. 1123-32, DOI:10.1139/W07-078, PMID 18026204.
  8. ^ SB. Fu, JS. Yang; JL. Cui; QF. Meng; X. Feng; DA. Sun, Multihydroxylation of ursolic acid by Pestalotiopsis microspora isolated from the medicinal plant Huperzia serrata. in Fitoterapia, vol. 82, nº 7, ottobre 2011, pp. 1057-61, DOI:10.1016/j.fitote.2011.06.009, PMID 21767617.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia