Aerobiosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metabolismo Nuvola apps katomic.svg
Metabolismo
Via, catena e ciclo metabolico; via anfibolica
Catabolismo
Glicolisi
Beta ossidazione
Decarbossilazione ossidativa del piruvato
Ciclo di Krebs
Fosforilazione ossidativa
Glicogenolisi
Chetogenesi
Anabolismo
Gluconeogenesi
Sintesi proteica
Sintesi degli acidi grassi
Glicogenosintesi
Via dei pentoso fosfati
Altre voci...
Ciclo di Cori
Degradazione degli amminoacidi
Fotosintesi clorofilliana
Fotorespirazione
Ciclo di Calvin
Ciclo dell'urea
Fermentazione
Ciclo del gliossilato
Vai al Portale Biologia

Si definisce aerobiosi la condizione di vita di numerosi organismi, il cui metabolismo è basato sull'utilizzo di ossigeno molecolare O2, che funge da accettore finale di elettroni. Organismi di questo tipo sono definiti aerobi (o aerobici, con un calco dall'inglese). Essi sono in grado di funzionare grazie al processo aerobico della respirazione cellulare, che permette l'ossidazione di substrati (per esempio gli zuccheri e gli acidi grassi) per ottenere energia. L'atomo di ossigeno O è fortemente ossidante, ovvero tende a "strappare" elettroni ad altri atomi meno ossidanti di lui e anche la molecola di ossigeno molecolare O2 è molto ossidante e tende quindi a strappare elettroni di modo che gli atomi di ossigeno andranno a formare altri composti più stabili (di O2) e quindi meno reattivi, come per esempio l'anidride carbonica CO2 e l'acqua H2O.

La condizione opposta all'aerobiosi è l'anaerobiosi.

Processi aerobici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Respirazione cellulare.

Per processo aerobico si intende quindi una reazione che avviene in presenza di O2. Un buon esempio è l'ossidazione del glucosio, un monosaccaride, nella respirazione aerobica.

C6H12O6 + 6 O2 + 38 ADP + 38 [[PO43-]] → 6 CO2 + 6 H2O + 38 ATP

L'energia liberata in questa reazione è di circa 2880 kJ per mole: tale quantità viene immagazzinata dai sistemi biologici nelle 38 molecole di ATP rigenerate da 38 ADP. L'energia generata in questo caso per ogni molecola di glucosio è 19 volte più grande di quella generata dalla rispettiva reazione in assenza di O2, che produrrebbe solo 2 molecole di ATP (attraverso la glicolisi anaerobica e le successive fermentazioni).

Questa equazione è una sintesi di quello che avviene realmente attraverso tre serie di reazioni biochimiche aerobiche: la glicolisi (che, come detto, può aver luogo anche in anaerobiosi), il ciclo di Krebs e la fosforilazione ossidativa.

Aerobiosi nei sistemi viventi[modifica | modifica wikitesto]

I batteri aerobi e anaerobi possono essere identificati attraverso una coltura in sospensione:
1: I batteri aerobi obbligati si raccolgono in testa alla provetta, in modo da assorbire la maggior quantità possibile di O2.
2: I batteri anaerobi obbligati si raccolgono sul fondo, per evitare l'O2.
3: I batteri aerobi facoltativi si raccolgono principalmente in testa, poiché la respirazione aerobia è la più efficiente; in ogni caso, la carenza di O2 non li disturba e, per tale motivo, è possibile individuarli lungo tutta la provetta.
4: I microaerofili si raccolgono nella parte superiore della provetta, ma non in testa; essi richiedono infatti O2 a bassa concentrazione.
5: Il metabolismo dei batteri aerotolleranti non è influenzato dalla presenza di O2 e, per tale motivo, sono diffusi lungo tutta la provetta.

Come avviene nell'esempio riportato, l'energia prodotta da una reazione di ossidazione aerobica è sempre maggiore di quella prodotta da un processo anaerobico. La spinta evolutiva ha selezionato organismi sempre più "avidi" di O2 che dal mare, luogo povero di ossigeno molecolare disciolto, hanno conquistato la terraferma, su cui la concentrazione di O2 è enormemente maggiore.

È possibile distinguere aerobi obbligati e aerobi facoltativi.

  • Gli aerobi obbligati necessitano di O2 come accettore di elettroni. Quasi tutti gli animali, gran parte dei funghi e molti batteri sono aerobi obbligati. Essere un organismo aerobio obbligato, sebbene sia vantaggioso dal punto di vista energetico, significa anche dover contrastare obbligatoriamente alti livelli di stress ossidativo.
  • Gli aerobi facoltativi possono utilizzare l'O2 oppure altre molecole in stato ossidato. Diverse specie di lievito sono esempi di organismi aerobi facoltativi. Tali organismi sono in grado dunque di sopravvivere anche in assenza di O2. Il loro metabolismo è comunque principalmente aerobico: questo li differenzia dagli anaerobi facoltativi, il cui metabolismo principale è quello anaerobico.

Le cellule umane prese singolarmente presentano anch'esse un metabolismo aerobio facoltativo, in quanto possono utilizzare la fermentazione dell'acido lattico se l'O2 non è disponibile. Le cellule muscolari, ad esempio, in presenza di basse concentrazioni di O2 (tipicamente quando sono sotto sforzo) possono ricorrere alla sola glicolisi anaerobica. Questa strategia, in ogni caso, non può essere sostenuta a lungo dall'intero organismo, e quindi gli uomini sono di fatto aerobi obbligati.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]