Pekanbaru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pekanbaru
kota
Kota Pekanbaru
Pekanbaru – Stemma
Grande Moschea di An-Nur
Grande Moschea di An-Nur
Localizzazione
Stato Indonesia Indonesia
Provincia Riau COA.svg Riau
Territorio
Coordinate 0°31′59.99″N 101°27′00″E / 0.53333°N 101.45°E0.53333; 101.45 (Pekanbaru)Coordinate: 0°31′59.99″N 101°27′00″E / 0.53333°N 101.45°E0.53333; 101.45 (Pekanbaru)
Superficie 632,26 km²
Abitanti 897 767[1] (1-5-2010)
Densità 1 419,93 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 0761
Prefisso (+34) 28131
Fuso orario UTC+7
Motto Bersih, Tertib, Usaha Bersama, Aman dan Harmonis
Cartografia
Mappa di localizzazione: Indonesia
Pekanbaru
Pekanbaru
Pekanbaru – Mappa
Sito istituzionale

Pekanbaru è una città dell'Indonesia, capoluogo e centro più popoloso della provincia di Riau, nel centro dell'isola di Sumatra in Indonesia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città si trova nella parte centrale dell'isola di Sumatra, a circa 120 km dallo Stretto di Malacca, nel lato orientale, e a circa 200 km dalla costa occidentale dell'oceano Indiano. Dista solo 55 km dall'equatore.

Si estende su una superficie di 632,26 km² ed è bagnata dal corso del fiume Siak[2]. Ha una forma irregolare, leggermente allungata nella direzione sudovest-nordest. È situata nella parte centrale della provincia di Riau.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è equatoriale e umido, la stagione delle piogge dura da settembre a aprile . Le precipitazioni medie mensili variano da 50mm a 178 mm, l'umidità relativa indicativamente dal 46% al 100% con una media di 79-83%. La temperatura media tra le minime e le massime giornaliere non è inferiore ai 27°C, senza oscillazioni annuali . [3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo precoloniale[modifica | modifica wikitesto]

La prima notizie di insediamenti nel territorio di Pekanbaru appartengono al XVII secolo, quando dal piccolo villaggio di pescatori di Payungsekaki gli abitanti si spostarono su un grande insediamento chiamato Senapelan a causa di condizioni climatiche sfavorevoli. Il nome "Senapelan" è stato assegnato al nuovo insediamento ed è considerato il luogo attorno al quale Pekanbaru si sviluppò.[4]

Nel 1720 Senapelan divenne parte del regno del Sultanato di Siak, che decise di stabilire lì la sua residenza. In seguito, la città si allargò notevolmente, ampliandosi grazie all'immigrazione di abitanti dei villaggi vicini attirati dalla prosperità economica della città e diventando il principale centro economico del Sultanato.

Il sultanato di Siak, comunque, era soggetto al Sultanato di Johor, di cui ne era una specie di vassallo.

Periodo coloniale[modifica | modifica wikitesto]

A metà del XVIII secolo, il Sultano di Johor fu affrontato militarmente dalla compagnia olandese delle Indie orientali. Dopo una serie di scontri sanguinosi, firmò un trattato di pace cedendo il territorio di Siak ai colonialisti.

Sotto il dominio olandese il regno di Siak, Senapelan mantenne una discreta indipendenza e visse un notevole sviluppo infrastrutturale. Nel 1760 sono stati costruiti il Palazzo del Sultano e una grande moschea. Nel 1775 la capitale del Sultanato è stata ufficialmente spostata a Senapelan che portò un ulteriore stimolo allo sviluppo della città.

Il sultano Abdul Jalil Alamudin Syah tentò di rendere la città il più grande centro commerciale dell'isola, istituendo un grande fiera commerciale. Non ebbe successo, ma nel 1780 il figlio del sultano, Muhammad Ali, riuscì nell'intento. Questo notevole successo portò al cambio del nome della città in Pekambaru (in lingua indonesiana Pekan, fiera, e Baru, nuovo) il 23 giugno del 1784, e questa data è considerata la data ufficiale di fondazione di Pekambaru[5].

Col fallimento della compagnia olandese nel 1798, la città passò sotto il controllo diretto del governo dei Paesi Bassi, divenendo di fatto Indie orientali olandesi, e temporaneamente sotto la Francia di Napoleone. Le rivalità tra inglesi e francesi in Europa comportarono conflitti nell'isola di Sumatra e l'influenza politica olandese su Pekanbaru scemò sensibilmente. Dopo l'indipendenza dei Paesi Bassi in europa nel 1814, il controllo della città perse di vigore e i cittadini lottarono a lungo per la propria indipendenza dai coloni. La città stette sotto il debole controllo coloniale fino agli inizi della seconda guerra mondiale.

Occupazione giapponese[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio del 1942 l'esercito giapponese occupò la città e in generale tutta l'isola. I giapponesi favorirono lo sviluppo delle infrastrutture soprattutto per facilitare la logistica per le esportazioni verso la madrepatria. In questo periodo venne realizzata una linea ferroviara di 200 km che collega Pekambaru fino al mare.

Indipendenza[modifica | modifica wikitesto]

Con la capitolazione dell'impero giapponese, nel 1945 il sultano Syarif Kasim II annesse il territorio al suo dominio e la città divenne il centro amministrativo dell'isola. Negli anni successivi ci fu ancora un tentativo degli olandesi di riprendere il controllo, ma gli scontri terminarono con gli accordi di Renville, facilitati dalle neonate Organizzazione delle Nazioni Unite, che di fatto sancì la nascita dell'Indonesia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Pekanbaru è stato un importante centro economico sin dalla sua fondazione. Si sviluppò nel periodo coloniale grazie al commercio del caffè e del carbone ed ebbe un boom agli inizi del XX secolo grazie alla scoperta di giacimenti petroliferi.

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'agricoltura rappresenti meno dell'1% del PIL cittadino, il numero dei dipendenti è relativamente alto; infatti più di sedicimila persone, oltre il 4% della popolazione attiva, è impiegato in questo settore. A partire dal 2009, i terreni dedicati all'uso agricolo erano circa 30 mila ettari, soprattutto nelle zone periferiche. Le principali colture sono manioca, melanzane, cetrioli, spinaci, fagioli, patate dolci e frutta. Si coltivano anche palme dedicate alla produzione dell'olio.

Per quanto concerne l'allevamento, la maggior parte della produzione è legata all'allevamento bovino, ovino e del pollame, da cui si ricava carne, latte e uova. Meno diffusa è la coltura di pesce di allevamento, anche se la produzione da allevamento è maggiore della pesca da fiume.

Industria[modifica | modifica wikitesto]

La produzione industriale provvede a più del 20% del PIL urbano. Il settore impiega 28.369 cittadini, circa il 7,3% della popolazione attiva, la maggior parte dei quali sono dipendenti di piccole imprese o artigiani.

La base del settore urbano è la raffinazione del petrolio, materia prima che viene estratta dai campi circostanti appartenenti ad uno dei più grandi pozzi dell'Indonesia. La maggior parte della capacità di raffinazione è di proprietà di "Chevron Pacific Indonesia", una filiale della americana Chevron, la cui sede si trova in città; degna d'importanza è anche la compagnia petrolifera nazionale indonesiana "Pertamina".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) INDONESIA: Municipalities. URL consultato il 1-2-2012.
  2. ^ (ID) Wilayah Geografis
  3. ^ (EN) Weather forecast for Pakan Baur
  4. ^ (ID) Sejarah Pekanbaru
  5. ^ (ID) Sejarah Pekanbaru

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]