Partito Radicale Socialdemocratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Radicale Socialdemocratico
Partido Radical Social Demócrata
Partido Radical Socialdemócrata emblema.png
Leader José Antonio Gómez
Stato Cile Cile
Fondazione 18 agosto 1994
Sede Londres Nº57, Santiago del Cile
Ideologia Radicalismo
Anticlericalismo
Laicismo
Secolarismo
Socialdemocrazia
Liberalismo sociale
Liberalismo classico
Progressismo
Socialismo democratico
Umanesimo secolare
Razionalismo
[senza fonte]
Collocazione Centro-sinistra (con tendenze di sinistra radicale e il centro liberale)
Coalizione CPD (1988-2013)
Nuova Maggioranza (2013-attualmente)
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Seggi Camera
5 / 120
Seggi Senato
1 / 38
Organizzazione giovanile Juventud Radical de Chile
Iscritti 87.000
Sito web www.partidoradical.cl

Il Partito Radicale Socialdemocratico (PRSD) (Spagnolo: Partido Radical Social Demócrata) è un partito politico cileno di centrosinistra fondato nel 1994 dall'unione tra lo storico Partito Radicale Cileno ed il Partito della Socialdemocrazia Cilena. Il partito è collocato nell'area ideologica della socialdemocrazia e del radicalismo. Fa parte della coalizione di centrosinistra Concertación de Partidos por la Democracia ed è membro dell'Internazionale Socialista.

Il PRSD è nato principalmente per permettere a i due partiti fondatori di avere una rappresentanza al Congresso Nazionale più ampia e di aver maggior peso nella coalizione di centrosinistra dominata dai socialisti e democristiani.

Il partito ha come principio la difesa delle libertà civili, l'uguaglianza, la solidarietà ed il benessere. Nel 2009 per la prima volta dalla fondazione un esponente del partito, ossia il leader José Antonio Gómez ha concorso alle elezioni primarie presidenziali, affrontando il cristiano-democratico Eduardo Frei Ruiz-Tagle ma è risultato sconfitto con un onorevole 35% considerato come una vittoria dato che il radicale non aveva ottenuto nessun sostegno dai partiti socialisti democratici che avevano preferito sostenere il democristiano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Partito Radicale Cileno è stato uno storico partito di centro liberale socialdemocratico che ha ricoperto un grande ruolo nella vita politica del paese esprimendo Pedro Aguirre Cerda (1938-1941), Juan Antonio Ríos Morales (1942-1946) e Gabriel González Videla (1946-1952). Il PRSD nasce con l'unione del PR con la Socialdemocracia Chilena, entrambi i partiti erano in crisi di consensi e con una modestissima rappresentazione al Congresso Nazionale Cileno e per avere una maggiore rappresentazione all'interno della coalizione di centrosinistra Concertación de Partidos por la Democracia.

Ideologia[modifica | modifica sorgente]

Il PRSD come già detto in precedenza è un partito incline alla socialdemocrazia e al radicalismo:

  • Umanesimo secolare. Il PRSD sostiene la ragione razionale sulla vita umana e del mondo, ma rispetta profondamente le teorie religiose riguardo l'origine della vita in merito al numero di credenti che votano il partito stesso
  • Socialdemocrazia. Il PRSD sostiene l'intervento dello Stato in materia economica attraverso delle riforme graduali che hanno scopo l'uguaglianza sociale e il sistema di protezione sociale creato dallo Stato.
  • Laicità. Il PRSD è favorevole alla separazione tra lo Stato e la Chiesa ed è contrario all'interventoi religioso nelle Istituzioni. In termine di valori si definisce come progressista ed è favorevole alla tolleranza religiosa, il controllo delle nascite, il rispetto delle minoranze etniche e sessuali.
  • Democrazia e devoluzione. Il PRSD è difensore della democrazia e dei diritti umani ed è contrario al centralismo statale e propone la creazione del federalismo in Cile.

Risultati elettorali[modifica | modifica sorgente]

Alle elezioni muncipali dell'ottobre del 2004 ha ottenuto 12 sindaci e 119 consiglieri comunali.

Elezione dei deputati Numero dei deputati N° di voti %
1997 (120) 4 181.538 3,13
2001 (120) 6 248.821 4,05
2005 (120) 7 229.126 3,51
politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica