Partita (musica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Partita è originariamente il nome per un brano musicale strumentale per uno strumento solista nel periodo del XVI e XVII secolo, sebbene Johann Kuhnau e in seguito i compositori tedeschi (in particolare Johann Sebastian Bach) abbiano iniziato ad usarlo per intere raccolte di brani, come un sinonimo di suite.

Johann Sebastian Bach scrisse due raccolte di Partite per diversi strumenti. Oltre a quelle per strumenti a tastiera, pubblicate con il nome di Clavier-Übung I, ne esiste una suite in Si minore, le Ouverture alla maniera francese (spesso chiamate semplicemente Ouverture francesi) che è a volte considerata una Partita (vedi Suites francesi). Le Partite di Bach sono a volte note anche come "Suite tedesche", in analogia con la denominazione "nazionale" attribuita alla Suites inglesi ed alle Suites francesi.

Bach inoltre scrisse nel 1720 tre partite per violino solista, che unì alle sonate.

Le Partite di Bach sono strutturate:

  • Pezzo di introduzione, diverso per ogni Partita (Preambolo, Fantasia, Sinfonia, Ouverture, ecc.)
  • Allemanda
  • Corrente
  • Sarabanda
  • Giga

Tra Sarabanda e Giga introduce le cosiddette galanterie, ovvero delle danze galanti, come musette, bourrée e minuetto

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Suite (musica)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • JSBach.org Contiene la parte dell'elenco BWV che comprende sia le Partite (con le loro tonalità), sia le Ouverture francesi.
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica