Paradosso del barbiere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una tipica insegna di barbiere.

Il paradosso del barbiere è un'antinomia formulata dal filosofo e logico britannico Bertrand Russell nel 1918. Essa costituisce approssimativamente una riformulazione intuitiva, o figurata, del famoso paradosso di Russell[1]. L'antinomia può essere enunciata così:

« In un villaggio vi è un solo barbiere, un uomo ben sbarbato, che rade tutti e soli gli uomini del villaggio che non si radono da soli. Il barbiere rade sé stesso[1]»

Se, come apparirebbe plausibile, il barbiere si radesse da solo, verrebbe contraddetta la premessa secondo cui il barbiere rade solo gli uomini che non si radono da soli. Se invece il barbiere non si radesse autonomamente, allora dovrebbe essere rasato dal barbiere, che però è lui stesso: in entrambi i casi si cade in una contraddizione[2].

La somiglianza con il paradosso di Russell sta nel fatto che il villaggio del barbiere si potrebbe considerare diviso in due parti:

  • Quella degli uomini che si radono da soli (che è assimilabile alla categoria degli insiemi che appartengono a sé stessi nella versione originale dell'antinomia).
  • Quella degli uomini che, non radendosi da soli, vengono rasati dal barbiere (nella versione originale, gli insiemi che non appartengono a sé stessi).

Il problema è in quale categoria vada incluso il barbiere: infatti, sia che venisse incluso nella prima, sia che venisse incluso nella seconda, la situazione sarebbe contraddittoria. Il barbiere è un insieme che appartiene a sé stesso se e solo se non appartiene a sé stesso[3].

Si è detto che questo paradosso costituisce una riformulazione solo approssimativa del paradosso di Russell perché, proprio a causa del suo aspetto concreto, in realtà potrebbe essere considerato semplicemente una dimostrazione per assurdo del fatto che non possono esistere barbieri con le caratteristiche citate. In particolare, fu il logico statunitense Willard Quine ad affermare che il paradosso del barbiere costituisce in sostanza una reductio ad absurdum, la quale dimostra la contraddittorietà di un barbiere come quello russelliano[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c W. Maraschini, M. Palma, ForMat, Spe, Paravia, 2002, p. 551 v. 3. ISBN 883951435X
  2. ^ F. Cioffi, F. Gallo, G. Luppi, A. Vigorelli, E. Zanette, Diálogos, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, 2000, p. 196 v. 3. ISBN 8842452645
  3. ^ Alcuni hanno proposto una soluzione di questo paradosso basata sulla possibilità che il barbiere sia una donna (alla quale la barba non cresce); essa però ha valore sostanzialmente umoristico, poiché l'enunciato del paradosso specifica chiaramente che il barbiere è un «uomo ben sbarbato».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • W. Maraschini, M. Palma, ForMat, Spe, Paravia, 2002. ISBN 883951435X
  • F. Cioffi, F. Gallo, G. Luppi, A. Vigorelli, E. Zanette, Diálogos, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, 2000. ISBN 8842452645

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]