Palazzo Re Enzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°29′39.48″N 11°20′35.41″E / 44.4943°N 11.343169°E44.4943; 11.343169

Palazzo Re Enzo
Bologna Piazza Maggiore 1.JPG
Il palazzo di Re Enzo
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Bologna
Indirizzo piazza Maggiore 1
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1245
Stile gotico
Uso congressi ed esposizioni
Realizzazione
Architetto Alfonso Rubbiani (1905)
Proprietario comune di Bologna
 
Il palazzo di Re Enzo
Il palazzo di Re Enzo a Bologna e la piazza del Nettuno
Cortile di palazzo Re Enzo

Il Palazzo Re Enzo è un palazzo storico di Bologna, del XIII secolo.

Venne costruito nel 1245 come ampliamento degli edifici comunali del Palazzo del Podestà e per questo chiamato Palatium Novum ma le sue vicende storiche l'hanno da sempre legato a Re Enzo di Sardegna.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni dopo la sua costruzione divenne dimora coatta di re Enzo, figlio dell'imperatore Federico II di Svevia, catturato durante la battaglia di Fossalta nei pressi di Modena. Re Enzo fu tenuto per alcuni giorni nel castello di Anzola dell'Emilia, dove si può ancora visitare quella che fu la sua prigione, e successivamente trasferito a Bologna. Enzo vi rimase sino alla sua morte nel 1272, probabilmente in ambienti opportunamente adibiti al secondo piano.

A pian terreno venivano custoditi il Carroccio e le macchine da guerra. Al primo piano vi erano gli uffici del pretore e la cappella; in seguito Antonio di Vincenzo nel 1386 realizzò in muratura la Sala del Trecento che venne adibita ad archivio comunale. L'ultimo piano fu pesantemente ristrutturato nel 1771 ad opera di Giovanni Giacomo Dotti.

Nel 1905 Alfonso Rubbiani ripristinò l'aspetto gotico dell'edificio. Sulla destra del palazzo si trova l'accesso della cappella di S. Maria dei Carcerati cui si recavano i condannati a morte.

Le facciate esterne del Palazzo Re Enzo si affacciano sulla Piazza Nettuno, Via Rizzoli e Piazza Re Enzo e sono state sottoposte a restauro conservativo nel 2003.

La leggenda di Re Enzo[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le leggende divulgate dai cronisti a proposito della cattura e della prigionia di re Enzo.

Si parla di una mancata fuga dal castello di Anzola dell'Emilia prima ancora che il re venisse portato a Bologna e successivamente di un riscatto che il padre avrebbe pagato ai bolognesi, col quale si sarebbe potuta erigere tutta la cerchia muraria della città ma che i bolognesi rifiutarono.

Pare che durante la prigionia re Enzo passasse il giorno insieme ad altri prigionieri ma durante la notte venisse isolato in una gabbia appesa al soffitto e sorvegliato a vista.

Il comune consentiva altresì ad Enzo di ricevere visite femminili: Enzo ricorda nel suo testamento tre figlie naturali ma la leggenda gli attribuisce un quarto figlio nato dall'amore per una contadina, Lucia di Viadagola. Al bambino venne dato il nome di Bentivoglio (per le parole che Enzo soleva dire alla sua amata, Amore mio, ben ti voglio), che fu capostipite della famosa casata dei Bentivoglio.

Si racconta anche di una tentata fuga in una brenta, usata per trasportare il vino, ma fu ripreso grazie ad una vecchia signora che vide i lunghi capelli biondi del re.

Dopo 23 anni di prigionia Enzo morì e fu sepolto nella Basilica di San Domenico come lui stesso aveva desiderato e dove ancora oggi è presente la sua tomba.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Laura Trombetti Budriesi, Valeria Braidi, Raffaella Pini, Francesca Roversi Monaco, Bologna Re Enzo e il suo mito, (con testi di A.L. Trombetti Budriesi, V. Braidi, R. Pini, F. Roversi Monaco, C. Zanetti, M. Rossi) 2002, Edizioni CLUEB, Bologna;
  • Palazzo Re Enzo. Storia e restauri, a cura di Paola Foschi e Francisco Giordano (con testi di P. Foschi, F. Malaguti, A. Antonelli, G. Marcon, R. Scannavini, A. Ranaldi, F. Giordano, A. Santucci), 2003, ed. Costa, Bologna.
  • Alfonzo Rubbiani, Il palazzo di Re Enzo in Bologna, Zanichelli, Bologna 1906.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]