Oxalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oxalis
Common wood sorrel (aka).jpg
Oxalis acetosella L., 1753
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Geraniales
Famiglia Oxalidaceae
Genere Oxalis
Classificazione APG
Ordine Oxalidales
Famiglia Oxalidaceae
Specie
  • Vedi testo

Le Ossalidi (Oxalis) sono un genere di piante angiosperme dicotiledoni della famiglia delle Oxalidaceae.

È il genere più ampio della famiglia: delle circa 900 specie assegnate alle Oxalidaceae oltre 800 appartengono al genere Oxalis.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere ha una distribuzione cosmopolita, fatta eccezione per le aree polari. Le zone più ricche di biodiversità sono il Brasile, il Messico ed il Sudafrica.

In Italia esistono 7 specie spontanee:

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Klee Wagenmoos 01.JPG

Il genere comprende piante annuali o perenni.

La caratteristica distintiva sono le foglie trifoliate (tranne che in alcune specie quali Oxalis tetraphylla che è tetrafoliata), in cui ciascuna fogliolina ha la forma di un cuore la cui punta è costituita dal picciolo. In genere le foglie si aprono durante il giorno e si ripiegano durante la notte.
Gli steli hanno un gusto acidulo caratteristico, legato alla presenza di acido ossalico.
I fiori hanno 5 petali a forma di coppa, il cui colore varia, a secondo le specie, dal giallo, al rosa al rosso. La fioritura avviene in genere in aprile-maggio.
I frutti sono delle capsule che contengono diversi semi.
Le radici sono spesso tuberose e parecchie specie si propagano mediante bulbilli.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Alcune specie sono coltivate quali piante ornamentali mentre altre, in particolare Oxalis pes-caprae, sono considerate piante infestanti.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Oxalis articulata Savign. subsp. rubra (A. St.-Hil.) A.Lourteig, 1982

Il genere Oxalis è molto vasto per cui il numero delle specie appartenenti è in parte controverso. Alcuni autori gli attribuiscono oltre 800 specie (Lawrence Johnston, 1871-1958), altri 200 (Adriano Fiori, botanico fiorentino 1865 - 1950), altri ancora 400 (Liberty Hyde Bailey Jr., 1858-1954). Le specie che vivono nell'emisfero boreale sono circa 70.

Per comodità le specie del genere Oxalis vengono divise in due gruppi: le specie che hanno foglie composte da più di tre foglioline (come Oxalis tetraphylla, con 4 foglioline o Oxalis enneaphylla, con oltre 20 foglioline); e le specie che hanno le foglie sempre trifogliate. È possibile poi creare dei sottogruppi a seconda che le specie siano acauli o provviste di fusto.

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et alii, Flora Europea, Cambridge University Press, 1976, ISBN 0-521-08489-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica