Oxalidaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oxalidaceae
Oxalis arborea1.jpg
Oxalis articulata Savign. f. crassipes (Urban) A.Lourteig, 1982
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Geraniales
Famiglia Oxalidaceae
R.Br., 1818
Classificazione APG
Ordine Oxalidales
Famiglia Oxalidaceae
Sinonimi

Averrhoaceae
Dirachmaceae
Hypseocharitaceae
Lepidobotryaceae
Oxydacae

Generi

Le Oxalidaceae (R. Br. 1818) sono una famiglia di piante angiosperme dicotiledoni. Comprendono piante erbacee, arbusti e piccoli alberi diffusi nelle regioni temperate e tropicali. In Italia è presente nella flora spontanea il genere Oxalis.

dettaglio del fiore di Oxalis acetosella

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I fiori, solitari o in infiorescenze, sono ermafroditi, attinomorfi, pentameri. L'ovario è supero formato da 5 carpelli. Il frutto può essere una capsula o una bacca. Le foglie sono composte, alterne picciolate di norma erbacee, carnose in qualche specie a fotosintesi CAM (es. Oxalis megalorrhiza).

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è stata identificata da R. Br. in J.H. Tuckey, Narr. Exped (5 marzo 1818).

Si compone di 8 generi e di circa 900 specie, 800 delle quali nel genere Oxalis.

Nel Sistema Cronquist la famiglia fa parte dell'ordine delle Geraniales, secondo la classificazione APG in quello delle Oxalidales.

Generi[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Averrhoaceae Hutch. (Gen.-Lug. 1959).
  • Dirachmaceae Hutch. (Gen.-Lug. 1959).
  • Hypseocharitaceae Wedd. (Nov. 1861).
  • Lepidobotryaceae J. Léonard (Giu. 1950).
  • Oxydacae Rupr. (Mag. 1860) nome non corretto (inammissibile).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica