Onofrio Avellino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Onofrio Avellino (Napoli, 1674Ferrara, 17 aprile 1741[1]) è stato un pittore italiano.

Sacra Famiglia

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu iniziato all'arte da Luca Giordano, ma nel 1692 cominciò a lavorare con Francesco Solimena. Suo fratello maggiore era Giulio Giacinto Avellino, anch'egli pittore. Dal 1718, Onofrio si trasferì a Roma, dove fu influenzato da Carlo Maratta. Gli affreschi sulla volta della chiesa di San Francesco di Paola ai Monti a Roma furono opera di Onofrio.

Tra le principali opere di Onofrio Avellino si ha Madonna con santi ed angeli (1710) a Sorrento nel santuario della Madonna del Carmine, San Ciro e San Giovanni a Vico Equense e San Domenico nella Chiesa di San Domenico Maggiore.

A Lucca si trova un dipinto di Onofrio Avellino rappresentante Santa Cecilia, posto nell'ingresso di Palazzo Orsetti.

Nella Chiesa collegiata di San Michele Arcangelo in Contigliano si trova un dipinto di Onofrio Avellino, rappresentante San Vincenzo Ferreri che salva dai lupi una donna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oppure a Roma, dati incerti, vedi Rose HJ.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 65080319 LCCN: nr90006298