Olimpiadi internazionali della fisica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Olimpiadi internazionali della fisica (International Physics Olympiad, IPhO) sono una competizione annuale per studenti delle scuole superiori. È una delle olimpiadi scientifiche. La prima Olimpiade della fisica si è tenuta a Varsavia nel 1967.

In Italia la squadra rappresentativa destinata a partecipare alle Olimpiadi internazionali della fisica è formata dagli studenti che hanno inizialmente partecipato con impegno alle gare organizzate dal progetto Olimpiadi della fisica.

Ogni delegazione nazionale, risultato di una selezione locale, è composta da cinque studenti e due leader a cui si aggiungono talvolta degli osservatori. La competizione è individuale e si basa su due prove di cinque ore ciascuna: una prova sulla teoria, composta da tre problemi, e una prova sperimentale, composta da uno o due problemi. Le prove sono preparate dalla nazione ospitante. La "giuria" è composta dai leader di ciascuna nazione e da coordinatori della nazione ospitante. Le medaglie (oro, argento e bronzo) e le menzioni d'onore sono attribuite nel seguente modo: il migliore 8% dei partecipanti riceve la medaglia d'oro; il migliore 25% quella di argento; il migliore 50% quella di bronzo; il migliore 67% riceve la menzione di onore. Sono quindi premiati circa i 2/3 dei partecipanti. Vi sono inoltre dei premi speciali: miglior punteggio, migliore prova teorica, migliore prova sperimentale, soluzione più originale, etc.


Storia[modifica | modifica sorgente]

Le prime Olimpiadi della Fisica si sono tenute nel 1967 a Varsavia, con la partecipazione di quattro soli Paesi oltre a quello organizzatore, la Polonia. Le nazioni interessate furono Ungheria, Cecoslovacchia, Bulgaria Romania e Polonia.[1] .
Si trattava di un progetto che aveva lo scopo di dare una formazione di eccellenza preuniversitaria nel campo della fisica a ragazzi appartenenti al Patto di Varsavia, inoltre si tendeva a sviluppare un progetto di amicizia fra questi Paesi.
Si cercò di replicare il successo delle Olimpiadi Internazionali della Matematica, la cui prima edizione si era tenuta nel 1959, anche se la presenza della prova sperimentale rendeva le Olimpiadi della fisica più costose in caso di partecipazione di un grande numero di Paesi.
La gara fu organizzata sul modello di una precedente gara di fisica che si teneva in Polonia, e che prevedeva un giorno di problemi di fisica teorica e successivamente un giorno di problemi di fisica sperimentale. Ovviamente era necessario del tempo per la correzione della prova teorica, perciò fra la prima e la successiva si rese necessario organizzare per i partecipanti giorni di pausa con conferenze ed escursioni.
Nel 1972 venne invitato il Primo Paese non europeo, Cuba, e il primo Paese occidentale, la Francia. Nel 1974 venne invitata la Repubblica Federale di Germania, in questo caso l'invito assunse una rilevanza anche politica essendo anni di guerra fredda[2]. La prima partecipazione italiana fu nel 1989, così come gli Usa. Nel 2012 alle Ipho estoni diede una conferenza il Premio Nobel per la chimica Harold Kroto[3].
Alle Olimpiadi del 2014 tenute ad Astana, Kazakhstan, i Paesi partecipanti furono 86.

La 44ma Olimpiade si è tenuta a Copenhagen, in Danimarca dal 7 al 15 luglio del 2013, mentre la 45ma si è tenuta ad Astana, Kazakhstan, dal 12 al 21 luglio del 2014.

Edizioni delle Olimpiadi internazionali della fisica[modifica | modifica sorgente]

Titolo sezione[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]