Offensiva del Vardar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Offensiva del Vardar
Data 14 - 29 settembre 1918
Luogo Macedonia
Esito Resa della Bulgaria
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Bulgaria 560 000

Germania 18 000

Totale:
578 000 uomini circa
(182 000 fucilieri)
Francia 195 000

State Flag of Serbia (1882-1918).svg 150 000
Regno Unito 140 000
Grecia 140 000
Italia 44 000

Totale:
671 000 uomini circa
(180 000 - 219 000 fucilieri)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'Offensiva del Vardar, che temporalmente va dal 14 al 29 settembre 1918, fu l'ultima grande operazione militare sul Fronte macedone durante la Prima guerra mondiale. Dopo un lungo periodo di preparazione le Armate dell'Est degli Alleati riuscirono a rompere la fase di stallo che perdurava in questo teatro da molti anni e obbligarono il Regno di Bulgaria alla capitolazione, che fece propendere decisamente l'ago della bilancia a sfavore degli Imperi centrali[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

In Inglese:

In Russo:

In Bulgaro

  • Stefan Noykov, Защо не победихме, Печатница на армейския военно издателски фонд, София, 1922.
  • Dimitar Azmanov, Урокът от Добро поле, Печатница Книпеграф, 1935.