Nuova storiografia israeliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Nuova storiografia israeliana è un movimento nel quale sono compresi quegli storici israeliani che hanno come fine etico e scientifico di rivisitare, da un punto di vista critico e documentario la storia del loro Paese, "demitizzandola" da tutti quegli orpelli che, a loro dire, hanno fatto perdere per strada gli ideali del primo Sionismo che avevano condotto alla nascita dello Stato d'Israele al termine di un lungo e doloroso cammino.

Origine ed esponenti[modifica | modifica wikitesto]

Di questa corrente storiografica danno parte Benny Morris, di Ilan Pappé, di Avi Shlaim, Tom Segev a cui si può aggiungere, retrospettivamente, la figura di Simha Flapan. Si parla di loro come di storici post-sionisti o revisionisti.
Sulla stessa linea, ma meno chiaramente annoverabili in tale lista (e talora ebrei non di cittadinanza israeliana), figurano Zeev Sternhell, Benjamin Beit-Hallami, Baruch Kimmerling, Yehoshua Porath, Avner Cohen, Uri Milstein e Norman G. Finkelstein.

I loro studi, pubblicati a partire dagli anni ottanta del XX secolo, sono stati possibili per l'apertura degli archivi israeliani e britannici alla consultazione di documenti sugli eventi degli anni quaranta e, quindi, anche della Guerra d'indipendenza israeliana del 1947-49.
Tali pubblicazioni non hanno mancato di suscitare dibattiti appassionati, che talora hanno trasceso l'ambito scientifico ad essi proprio.

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della pionieristica attività dei "Nuovi Storici", numerosi altri ricercatori hanno seguito le loro orme, influenzando ancor oggi in modo sensibile la ricerca storiografica circa lo Stato d'Israele. Fra essi troviamo: Idith Zertal, Uri Ram e Shlomo Sand, professore all'Università di Tel Aviv. Il libro di quest'ultimo uscito nel 2008 in Israele e in Francia, Come il popolo ebreo fu inventato, ha avuto un buon successo di pubblico in quei due paesi e alimentato in Israele un vivace dibattito. La tesi centrale dell'opera consiste nel negare valore ad una essenza etnica degli ebrei che, lungi dall'aver effettuato un esodo dalla Palestina, si sarebbero principalmente diffusi attraverso le conversioni (nell'Impero romano precristiano, nell'Africa del Nord o ancora fra i Cazari dell'Asia centrale, in questo riallacciandosi con il pensiero di Arthur Koestler, intellettuale ungherese-israeliano, sionista e laico, che, poiché rifiutava la nozione di "razza ebraica", aveva studiato (con un'esegesi delle fonti, però, molto inferiore a quella dei nuovi storici israeliani) l'origine delle comunità ebraiche dell'Europa orientale come risultato di processi di conversione.

Inoltre a questa scuola di pensiero appartengono, o sono collegabili, anche tutta un'altra serie di studi sui caratteri dell'ebraismo che cercano di rivisitare la storia delle comunità ebraiche (europee e non solo) dell'età medioevale e moderna.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dominique Vidal, Comment Israël expulsa les Palestiniens. Les nouveaux acquis de l'Histoire (1945-1949), Éditions de l'Atelier, 2007
  • Sébastien Boussois, Israël confronté à son passé. Essai sur l'influence de la Nouvelle Histoire, Parigi, L'Harmattan, 2007
  • Ilan Greilsammer, La nouvelle histoire d'Israël, Parigi, Gallimard, 1998
  • Shlomo Sand, Les mots et la terre. Les intellectuels en Israël (prefazione di Pierre Vidal-Naquet), Parigi, Fayard, 2006
  • Shlomo Sand, Comment le peuple juif fut inventé, Parigi, Fayard, 2008.
  • Lorenzo Kamel, Israele-Palestina. Due storie, una speranza - La nuova storiografia israeliana allo specchio, Roma, Editori Riuniti, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]