Zeev Sternhell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zeev Sternhell

Zeev Sternhell (Przemyśl, 10 aprile 1935) è uno storico israeliano, di origine polacca.

Sternhell è uno dei massimi esperti mondiali del fascismo[1] e un importante militante del movimento Peace Now (Pace ora). Sternhell ha guidato il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università Ebraica di Gerusalemme e scrive sul quotidiano israeliano Haaretz. Sternhell è stato insignito del Premio Israele per le Scienze Politiche Science nel 2008.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zeev Sternhell è nato a Przemyśl, Polonia da un'influente famiglia laica ebraica. Suo nonno e suo padre erano commercianti tessili.[3] Quando la Russia occupò la Polonia orientale, le truppe sovietiche occuparono la sua abitazione. Suo padre morì di cause naturali. Pochi mesi dopo l'Operazione Barbarossa, la famiglia fu inviata nel ghetto.

Sua madre e sua sorella maggiore, Ada, furono uccise dai nazisti quando egli aveva sette anni. Uno zio ottenne il permesso di lavorare fuori del ghetto lo fece uscire di nascosto rifugiandosi a Leopoli.[4] Lo zio trovò un ufficiale polacco che li volle aiutare. Munito di falsi documenti ariani, Sternhell visse con sua zia, suo zio e un cugino come un cattolico polacco. Dopo la guerra, fu battezzato, assumendo il nome polacco di Zbigniew Orolski. Divenne chierichetto nella Cattedrale di Cracovia. Nel 1946, all'età di 11 anni, Sternhell fu mandato in Francia su un treno di bambini organizzato dalla Croce Rossa e lì visse con una sua zia. Imparò il francese e fu accolto in una scuola di Avignone malgrado una dura selezione.

Nell'inverno del 1951, all'età di 16 anni, Sternhell emigrò in Israele sotto gli auspici della Aliyat Hano'ar (Gioventù dell'Aliyat), e fu inviato nel villaggio della gioventù di Magdiel. Negli anni cinquanta, Sternhell servì come comandante nella 1ª Brigata di fanteria "Golani". Combatté nella guerra dei sei giorni, nella guerra del Kippur e nella guerra del Libano.

Nel 1957-1960 studiò storia e scienze politiche nell'Università Ebraica di Gerusalemme, diplomandosi con massimo dei voti e lode. Nel 1969, conseguì un Ph.D. nell'Institut d'études politiques de Paris[5] per la sua tesi su Le idee sociali e politiche di Maurice Barrès.

Sternhell vive a Gerusalemme con sua moglie Ziva, una storica dell'arte. Hanno due figlie.

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976, Sternhell divenne condirettore del The Jerusalem Quarterly, rimanendo un contributore attivo fino al 1990. Nel 1981, divenne professore di Scienza Politica nell'Università Ebraica di Gerusalemme. Nel 1989, fu nominato alla cattedra Léon Blum di Scienza Politica nella stessa Università e diventò membro del Comitato editoriale di History and Memory. Nel 1991, il governo francese lo insignì del titolo di "Cavaliere dell'Ordine di Arti e Lettere" per il suo notevole contributo alla cultura francese e nel 1996 divenne membro del Comitato editoriale del Journal of Political Ideologies.

Ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Zeev Sternhell è uno dei massimi esperti di fascismo, identificandone la genesi nel XIX secolo, ben prima che esso si manifestasse poi in Italia il secolo successivo. Un campo in cui le sue analisi hanno suscitato vivaci polemiche, degenerate perfino in atti criminosi dei suoi oppositori in patria, sono state però le ricerche sulla genesi dello Stato d'Israele.

Come militante del movimento pacifista Peace Now, Sternhell ha scritto spesso in termini assai critici nei confronti della politica espressa dal suo Paese con la sua protratta occupazione di territori strappati agli arabi nel corso essenzialmente della guerra dei sei giorni e nei confronti del popolo palestinese.

In The Founding Myths of Israel ("I miti fondatori d'Israele", pubblicato in ebraico nel 1995) Sternhell afferma che la principale giustificazione morale che i sionisti seguitano a dare della fondazione d'Israele nel 1948 è quella dello "storico diritto ebraico alla terra". Nella conclusione, egli scrive:

« In fact, from the beginning, a sense of urgency gave the first Zionists the profound conviction that the task of reconquering the country had a solid moral basis. The argument of the Jews' historical right to the land was merely a matter of politics and propaganda. In view of the catastrophic situation of the Jews at the beginning of the century, the use of this argument was justified in every way, and it is all the more legitimate because of the threat of death hanging over the Jews. Historical rights were invoked to serve the need of finding a refuge.[6] »

Sternhell è convinto che dopo la guerra dei sei giorni nel 1967, la minaccia per gli ebrei si è dissolta: cosa che ha mutato la base morale per conservare quanto conquistato:

« No leader was capable of saying that the conquest of the West Bank lacked the moral basis of the first half of the twentieth century, namely the circumstances of distress on which Israel was founded. A much-persecuted people needed and deserved not only a shelter, but also a state of its own. [...] Whereas the conquests of 1949 were an essential condition for the founding of Israel, the attempt to retain the conquests of 1967 had a strong flavor of imperial expansion.[7] »

Sternhell considera gli insediamenti ebraici nella Cisgiordania come l'espressione della volontà del Sionismo religioso e di una parte del Sionismo laburista e che la parte più moderata del Sionismo laburista è stata incapace di contrastare, poiché questa volontà era in linea con le convinzioni sioniste più profonde. Egli vede gli insediamenti ebraici nella Cisgiordania come un pericolo per "la capacità d'Israele di svilupparsi come una società libera e aperta", dal momento che Israele considera la soddisfazione delle sue pulsioni nazionalistiche prevalente su quelle sociali e liberali.

Egli afferma che qualcosa è fondamentalmente cambiato con gli Accordi di Oslo: "Nella storia del Sionismo, gli Accordi di Oslo costituiscono un punto nodale, una vera rivoluzione. Per la prima volta nella sua storia, il movimento nazionale israeliano riconosce uguali diritti al popolo palestinese alla libertà e all'indipendenza".[8] Egli conclude scrivendo che: "il solo fattore incerto attualmente è il prezzo morale e politico che la società israeliana è disposta a pagare per superare la resistenza opposta dal nocciolo duro dei coloni che si oppongono a ogni giusta e ragionevole soluzione".[9]

Controversia col movimento dei coloni israeliani[modifica | modifica wikitesto]

Sternhell ha vinto il Premio Israele per le Scienze Politiche nel febbraio 2008. Le sue idee politiche, messe in luce dai media, provocarono reazioni tempestose, specialmente tra i sostenitori del movimento dei coloni. I sostenitori di Sternhell hanno rivelato che egli è stato ripetutamente minacciato in modo violento per le sue opinioni.[10] I suoi detrattori hanno detto che gli scritti di Sternhell appoggiano il terrorismo e promuovono la situazione di violenza operata contro i coloni ebrei in Cisgiordania e negli altri territori palestinesi occupati.

Quanti erano ostili alla concessione del Premio a Sternhell hanno messo in circolazione traduzioni inglesi di dichiarazioni alla stampa concesse nel febbraio del 2008.[11] Essi citano quanto detto da Sternhell sul giornale Davar nel 1988 in appoggio all'uso della forza da parte del governo israeliano contro i coloni israeliani a Ofra, e lo ricordano per quanto scritto su Haaretz (2001) quando sosteneva "la legittimità della resistenza armata" da parte palestinese.[12]

Aggressione[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 settembre del 2008, Sternhell è rimasto vittima di un attentato dinamitardo nella sua stessa abitazione, che lo ha tuttavia ferito non gravemente.[13] La polizia di Gerusalemme, che ha rivelato di aver rinvenuto sulla scena del crimine volantini che offrivano una ricompensa di più di 1 milione di sicli (approssimativamente pari a 300 000 dollari) per chiunque avesse ucciso componenti di Peace Now, sospetta che egli sia rimasto vittima di un'aggressione perpetrata da estremisti di destra a causa delle sue idee. Dal suo letto d'ospedale, Sternhell ha dichiarato che "la realtà dell'attentato illustra la fragilità della democrazia d'Israele, e l'urgente bisogno di difenderla con determinazione e di risolvere il problema". "A livello personale - ha continuato - se l'intenzione era quella di terrorizzarmi, è chiarissimo che io non sono facilmente spaventabile; ma i perpetratori [dell'atto criminoso] hanno tentato di colpire non soltanto me, ma ogni appartenente della mia famiglia che avrebbe potuto aprire la porta di casa [dove era stata collegata la bomba], e per questo non può esserci modo di assolvere e dimenticare".[14]

Dopo essere stato dimesso dall'ospedale, Sternhell ha affermato che avrebbe continuato a dar voce alle sue opinioni. Il Ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner, ha condannato il crimine, dicendo: "L'aggressione al Professor Sternhell è un'aggressione ai valori della pace e della fratellanza che sono serviti da ispirazione ai padri fondatori d'Israele".[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roger Griffin, The Nature of Fascism, Londra, Routledge, 1993. p. 6
  2. ^ Ha'aretz 8 February 2008 Haaretz's Sternhell wins Israel Prize in political science By Tamara Traubmann
  3. ^ Amazing grace - Haaretz - Israel News
  4. ^ Haaretz's Ze'ev Sternhell wins Israel Prize in political science - Haaretz - Israel News
  5. ^ Zeev Sternhell (nias)
  6. ^ Z. Sternhell, 1998, 'The Founding Myths of Israel', ISBN 0-691-01694-1, p. 338
  7. ^ Z. Sternhell, 1998, 'The Founding Myths of Israel', ISBN 0-691-01694-1, p.336
  8. ^ Z. Sternhell, 1998, The Founding Myths of Israel, ISBN 0-691-01694-1, p. 339
  9. ^ Z. Sternhell, 1998, 'The Founding Myths of Israel', ISBN 0-691-01694-1, p. 345
  10. ^ Dichter: Prof attack takes us back to days of Rabin assassination Shahar Ilan e Roni Singer-Heruti, Haaretz, 26/09/2008
  11. ^ Googla cache
  12. ^ Israel Prize to go to Pro-Terror, Pro-Civil War Prof. Gil Ronen, IsraelNationalNews.com, 02/08/08.
  13. ^ Rory McCarthy, Israeli peace advocate attacked, The Guardian, 26 settembre 2008. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  14. ^ Dichter: Prof attack takes us back to days of Rabin assassination, di Shahar Ilan e Roni Singer-Heruti, Haaretz, 26 settembre 2008
  15. ^ Aviad Glickman, Prof. Sternhell: I'll continue to voice my views in Ynetnews, 26 settembre 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

  • "Fascist Ideology", Fascism, A Reader's Guide, Analyses, Interpretations, Bibliography, edited by Walter Laqueur, University of California Press, Berkeley, 1976. pp. 315–376.
  • Neither Right nor Left: Fascist Ideology in France, Princeton Univ. Press, California ISBN 0-691-00629-6
  • The Birth of Fascist Ideology, with Mario Sznajder and Maia Asheri, published by Princeton University Press, 1989, 1994 (ISBN 0-691-03289-0) (ISBN 0-691-04486-4) (trad. ital. Né destra né sinistra. La nascita dell'ideologia fascista, Akropolis, Napoli, 1984)
  • The Founding Myths of Israel: Nationalism, Socialism, and the Making of the Jewish State Princeton Univ. Press, 1999 (ISBN 0-691-00967-8; e-book ISBN 1-4008-0770-0) (abstract). Traduzione italiana Nascita di Israele. Miti, storia, contraddizioni, Milano, Baldini&Castoldi, 1999.
  • Maurice Barrès et le nationalisme français ("Maurice Barrès and French nationalism") – Brüssel, Editions Complexe, 1985 (trad. it. La destra rivoluzionaria. Le origini francesi del fascismo 1885-1914, Corbaccio, 1997)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Germinario, Michele Battini, Destra, sinistra, fascismo: omaggio a Zeev Sternhell, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51696208 LCCN: n/83/32583

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie