Nozze istriane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nozze istriane
Libretto Nozze Istriane 1908.jpg
Libretto del 1908
Lingua originale italiano
Genere dramma lirico
Musica Antonio Smareglia
Libretto Luigi Illica
(online)
Atti tre
Epoca di composizione 1894
Prima rappr. 28 marzo 1895
Teatro Trieste, Teatro Comunale
Personaggi
  • Bara Menico (basso)
  • Marussa, sua figlia (soprano)
  • Biagio, suonatore di villotte (basso)
  • Lorenzo (tenore)
  • Nicola (baritono)
  • Luze, giovane slava (contralto)
  • Contadini e contadine di Dignano

Nozze istriane è un'opera di Antonio Smareglia su libretto di Luigi Illica, rappresentata per la prima volta a Trieste il 28 marzo 1895 diretta da Gianni Pomè. Al debutto poté contare su due interpreti d'eccezione: il soprano Gemma Bellincioni, già prima Santuzza nella Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni, e suo marito Roberto Stagno, celebre tenore palermitano, anch'egli apprezzatissimo nella parte di Turiddu nella prémière romana di Cavalleria.

È l'unica opera del grande compositore istriano entrata nel repertorio lirico-teatrale internazionale e riproposta con una certa frequenza al giorno d'oggi.

Le molte analogie del soggetto di Nozze istriane con Cavalleria rusticana, unitamente all'utilizzo degli stessi interpreti, indussero alcuni critici a ritenere che Smareglia avesse aderito alla poetica di stampo verista, allora imperante, di alcuni autori della Giovane scuola italiana (Mascagni e Leoncavallo in particolare). In effetti la vicenda, ambientata a Dignano, nei pressi di Pola, si ispira a un torbido dramma d'amore e gelosia culminante nella morte di uno dei protagonisti, tema ricorrente all'epoca e di tipico gusto verista. Smareglia riesce tuttavia a conferire al suo capolavoro un senso della misura, un'eleganza di toni e di timbri musicali, pur nella vivace descrizione della realtà istriana, ben lontani dalla cieca e brutale passionalità di una Cavalleria rusticana o dei Pagliacci.

Interpreti della prima rappresentazione[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Interprete[1]
Marussa Gemma Bellincioni
Lorenzo Roberto Stagno
Menico Ruggero Galli
Biagio Rodolfo Angelini
Nicola Tito Scipione Terzi
Luze Elisa Marconini

Trama[modifica | modifica sorgente]

Epoca: 1895.

Luogo: Il villaggio di Dignano.

Marussa e Lorenzo sono due giovani compaesani innamorati. Marussa però ha un altro pretendente, il ricco Nicola. Il povero padre di Marussa, Menico, viene convinto da Biagio, il violinista del villaggio, a dare la figlia in sposa a Nicola. Marussa non vorrebbe ma viene ingannata e si convince che Lorenzo non l'ami più e abbia un'altra donna, così si organizza il matrimonio con Nicola. Parlando con Luze però Marussa si rende conto che lei e Lorenzo sono vittime di una macchinazione e tra i due torna l'armonia. Nella sua stanza, poco prima delle nozze, Marussa implora Nicola di liberarla dall'impegno. Nicola rifiuta e Lorenzo (che aveva ascoltato nascosto) compare all'improvviso e attacca Nicola con un coltello: l'opera si chiude col grido disperato di Marussa che copre le voci allegre degli invitati.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1973 - Maria Chiara (Marussa), Ruggero Bondino (Lorenzo), Alessandro Cassis (Nicola), Alessandro Maddalena (Biagio), Carlo Zardo (Menico), Eleonora Iancovich (Luze) - Direttore: Ermanno Wolf-Ferrari - Orchestra e Coro del Teatro Verdi di Trieste - Registrazione dal vivo - Bongiovanni[2]
  • 1999 - Svetlana Vassileva (Marussa), Ian Storey (Lorenzo), Alberto Mastromarino (Nicola), Giorgio Surjan (Biagio), Enzo Capuano (Menico), Katja Lytting (Luze) - Direttore: Tiziano Severini - Orchestra e Coro del Teatro Verdi di Trieste - Registrazione dal vivo - Bongiovanni BGV 2265[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gherardo Casaglia, Première di "Nozze istriane", AmadeusOnline.net - Almanacco. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  2. ^ Antonio Smareglia - Nozze Istriane - Ermanno Wolf-Ferrari (1973), Operaclass. URL consultato il 14 dicembre 2013.
  3. ^ Antonio Smareglia - Nozze Istriane - Tiziano Severini (1999), Operaclass. URL consultato il 14 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Matteo Sansone, Nozze istriane in Stanley Sadie (a cura di), The New Grove Dictionary of Opera, Volume Three, Oxford University Press, 2004. ISBN 9780195221862.
  • Susanna Franchi, Nozze istriane in Piero Gelli (a cura di), Dizionario dell'opera, Milano, Baldini&Castoldi, 1996. ISBN 88-8089-177-4. URL consultato il 28 gennaio 2014.
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica