La falena (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La falena
Lingua originale italiano
Genere leggenda
Musica Antonio Smareglia
Libretto Silvio Benco
Atti tre
Prima rappr. 6 settembre 1897
Teatro Teatro Rossini di Venezia
Personaggi
  • Re Stellio (tenore)
  • Il vecchio Uberto (baritono)
  • Albina, sua figlia (soprano)
  • La falena (mezzosoprano)
  • Morio (basso)
  • Il ladro
  • Le ancelle d'Albina, i vecchi, il popolo, pescatori, cacciatori, donne, bambini

La falena è un'opera di Antonio Smareglia su libretto di Silvio Benco. Fu rappresentata per la prima volta al Teatro Rossini di Venezia il 6 settembre 1897.[1] La critica contemporanea apprezzò molto il lavoro, intravedendovi «genialità, fortuna di ispirazione, eleganza ed abilità di fattura».[2]

La musica, in cui l'uso di Leitmotiv lascia intravedere influenze wagneriane, è sostenuta da un ampio e pervasivo movimento sinfonico[3] che attraversa i tre atti dell'opera. Tra i momenti più intensi il lungo duetto del secondo atto tra il virtuoso re e la malvagia protagonista.

Interpreti della prima rappresentazione[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Interprete[1][4]
Re Stellio Alfonso Garulli
Uberto Vittorio Brombara
Albina Emma Carelli
La falena Alice Cucini
Morio Leopoldo Cromberg

Direttore: Gialdino Gialdini.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'azione si svolge in un'epoca antica sulle coste europee dell'Atlantico.

La falena è un essere misterioso che ammalia gli uomini per trarli in rovina. In questo caso seduce il re Stellio, distogliendolo dall'amore per la fidanzata Albina e spingendolo a uccidere Uberto, padre di Albina intervenuto nel tentativo di allontanare Stellio dalla falena. Quando la falena scompare, Stellio confessa l'omicidio e chiede ai suoi sudditi di essere condannato a morte. Albina lo perdona ma subito muore straziata dal dolore.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1976 - Ruggero Bondino (Re Stellio), Mario D'Anna (Uberto), Rita Lantieri (Albina), Leyla Gencer (La falena), Aurio Tomicich (Morio), Dario Zerial (Il ladro), Giuseppe Botta (Un marinaio) - Direttore: Gianandrea Gavazzeni - Orchestra e Coro del Teatro Verdi di Trieste - Registrazione dal vivo - Bongiovanni[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Gherardo Casaglia, Première di "La falena", Almanacco di AmadeusOnline. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  2. ^ Arti e Scienze in La Stampa - Gazzetta Piemontese, 15 settembre 1897, p. 3. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  3. ^ Sansone, Grove
  4. ^ "La Falena" del maestro Smareglia a Venezia in La Stampa - Gazzetta Piemontese, 5 settembre 1897, p. 3. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  5. ^ Antonio Smareglia - La falena - Gianandrea Gavazzeni (1976), Operaclass. URL consultato il 28 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Susanna Franchi, La falena in Piero Gelli (a cura di), Dizionario dell'opera, Milano, Baldini&Castoldi, 1996, ISBN 88-8089-177-4. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  • (EN) Matteo Sansone, La falena in Stanley Sadie (a cura di), The New Grove Dictionary of Opera, Volume Two, Oxford University Press, 2004, ISBN 9780195221862.
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica