Nick Zinner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nick Zinner
Fotografia di Nick Zinner
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock
Indie rock
Indietronica
Garage punk
Periodo di attività 2000 – in attività
Album pubblicati 2 (con i Yeah Yeah Yeahs)
Studio 2 (con i Yeah Yeah Yeahs)

Nick Zinner, vero nome Nicholas Joseph Zinner (8 dicembre 1974), è un chitarrista statunitense appartenente al gruppo rock di New York Yeah Yeah Yeahs.

Zinner ha fatto parte anche degli Head Wound City, assieme a membri di altri gruppi rock come The Locust e The Blood Brothers[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 ad oggi, Zinner ha collaborato, oltre che con i Yeah Yeah Yeahs, con parecchi gruppi di genere Indie rock, tra cui TV on the Radio, Har Mar Superstar, Ronnie Spector[2] e (recentemente) The Horrors. Inoltre, ha dato un contributo su chitarra e tastiera per diversi brani dell'album Digital Ash in a Digital Urn degli Bright Eyes (prodotto nel 2005), andando in tournée con la band come membro a tutti gli effetti.

Zinner ha prodotto remix di diversi brani rock: tra questi, spiccano quelli di Compliments dei Bloc Party, INRI dei The Plot to Blow Up the Eiffel Tower e People are Germs dei Single Frame (apparendo anche nel videoclip di questo brano).

Oltre al mestiere di chitarrista, Zinner è un apprezzato fotografo: ha studiato fotografia al Bard College ed ha pubblicato tre album contenenti le sue opere: No Seats On the Party Car (2001), Slept in Beds (2003) ed I Hope You Are All Happy Now (2004), con prefazione del regista Jim Jarmusch.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Attualmente Zinner suona una chitarra First Act.
  • Zinner è vegetariano e sostenitore della PETA, associazione per i diritti degli animali.
  • Da adolescente era solito ascoltare musica metal, ed ha attribuito a Mötley Crüe e Glenn Danzig gran parte delle sue influenze musicali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Intervista a Nick Zinner del 7 settembre 2005 su auralminority.com
  2. ^ (EN) Spector: The Last of the Rock Stars, 6 giugno 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 6806300