Nanno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nanno
comune
Nanno – Stemma
Nanno – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Enzo Bergamo (lista civica) dal 09/05/2005
Territorio
Coordinate 46°19′00″N 11°03′00″E / 46.316667°N 11.05°E46.316667; 11.05 (Nanno)Coordinate: 46°19′00″N 11°03′00″E / 46.316667°N 11.05°E46.316667; 11.05 (Nanno)
Altitudine 565 m s.l.m.
Superficie 4,3 km²
Abitanti 632[2] (31-12-2010)
Densità 146,98 ab./km²
Frazioni Portolo (Pòrtol[1])
Comuni confinanti Cles, Flavon, Taio, Tassullo, Terres, Tuenno
Altre informazioni
Lingue Italiano, Nones
Cod. postale 38010
Prefisso 0463
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022125
Cod. catastale F837
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 250 GG[3]
Nome abitanti nannini
Patrono san Biagio
Giorno festivo 3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nanno
Sito istituzionale

Nanno (Nan in nones[4]) è un comune italiano della provincia di Trento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale. Costruita nel 1952 al posto della vecchia da C. Keller e E. Taddei la nuova chiesa è in stile neoclassico. Particolare la Via crucis di C. Poli e gli affreschi di Carlo Bonacina.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona F, 3250 GG

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 437.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]