Myzopoda aurita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello dai piedi a ventosa
Immagine di Myzopoda aurita mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Famiglia Myzopodidae
Genere Myzopoda
Specie M. aurita
Nomenclatura binomiale
Myzopoda aurita
Milne-Edwards & Grandidier, 1878
Areale

Myzopoda aurita range map.svg

Il pipistrello dai piedi a ventosa (Myzopoda aurita Milne-Edwards & Grandidier, 1878) è un chirottero della famiglia Myzopodidae, endemico del Madagascar, ma in passato diffuso anche altrove, come dimostra il ritrovamento di alcuni suoi fossili in Tanzania risalenti al pleistocene inferiore[2][3]. Scoperto nel 1878, fu inizialmente inserito nella famiglia Vespertilionidae e solo nel 1904 fu trasferito nell'attuale famiglia[3].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un pipistrello di piccola taglia, dal pelo marrone-dorato, lungo in media 57 mm con un peso di 8-10 g.

La caratteristica distintiva di questa specie è una ventosa a forma di ferro di cavallo posta in corrispondenza dei polsi e delle caviglie, che gli consente di aderire alle superfici lisce.

La specie ha grandi orecchie, alla base di ognuna delle quali è presente un processo a forma di fungo. Su ogni pollice è presente un piccolo artiglio vestigiale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie endemica del Madagascar. La sua presenza è segnalata in numerose località della costa orientale (Maroantsetra, Mananara Avaratra, Mahambo, Toamasina, Mananjary, Tolagnaro).

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Poco si sa delle abitudini di questa specie.
Si nutre essenzialmente di insetti notturni (piccole falene) e utilizza le ventose presenti sugli arti per arrampicarsi sulle superfici lisce degli steli e delle foglie delle piante sulle quali trova riparo. La sua presenza è stata in più occasioni segnalata sulle foglie della cosiddetta palma del viaggiatore (Ravenala madagascariensis).

Status e conservazione[modifica | modifica sorgente]

In base ai criteri della IUCN Red List questa specie è considerata vulnerabile.[1]

La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera Myzopoda aurita una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.[4]

È presente in diverse aree naturali protette in Madagascar tra cui il Parco nazionale di Marojejy, il Parco nazionale di Masoala e la Riserva speciale di Analamazaotra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Jenkins, R.K.B., Rakotoarivelo, A.R., Ratrimomanarivo, F.H. & Cardiff, S.G. 2008, Myzopoda aurita in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myzopoda aurita in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ a b Grzimek's Animal Life Encyclopedia, 2nd edition. Volumes 12-16, Mammals I-V, edited by Michael Hutchins, Devra G. Kleiman, Valerius Geist, and Melissa С McDade. Farmington Hills, Ml: Gale Group, 2003. Volume 13 (Mammals II). ISBN 0-7876-5789-1. Pagina 479.
  4. ^ (EN) Myzopoda aurita in EDGE (Evolutionary Distinct and Globally Endangered), Zoological Society of London.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]