Myxiniformes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Missiniformi
Eptatretus stoutii
Eptatretus stoutii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Agnatha
Superclasse Cyclostomata
Classe Myxini
Sottoclasse Myxinoidea
Ordine Myxiniformes
Famiglia Myxinidae
Un gruppo di Eptatretus stoutii scoperte a oltre 150 m di profondità al largo della California

I Myxiniformes, missiniformi o missinoidi[1], sono un ordine di vertebrati agnati (classe myxini), stenotermi e stenoalini, ed esclusivamente marini.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Assieme alle lamprede (ordine Petromyzontiformes o petromizonti) costituiscono gli unici rappresentanti attuali dell'infraphylum agnatha. Alcuni autori classificano il taxon all'interno della classe, altrimenti fossile, Heterostraci[2].
Secondo recenti analisi molecolari, le missine appartengono anch'esse ai vertebrati. Altri, invece, considerano le missine come un gruppo gemello dei vertebrati all'interno del taxon Craniata.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le missine, o mixine, sono creature marine anguilliformi, scheletricamente dotate del solo cranio. Hanno una bocca sprovvista di mascelle, allungata, non a forma di ventosa e dentellata come quella delle lamprede, ma con sei corti tentacoli ed una lingua a pistone dentellata con la quale, agganciandola al dente palatino, dilaniano un punto vulnerabile, in genere apertura anale od opercolo, di animali debilitati o imprigionati e dentro cui penetrano profondamente, divorandoli dall'interno. Riescono a strappare brandelli della preda addentandola in questo modo e, dopo avere formato un nodo col corpo, farlo scorrere verso la testa strappandone il tessuto.
Una caratteristica che li contraddistingue è la posizione delle loro fessure branchiali, che è leggermente spostata in direzione caudale; questo adattamento permette all'animale di non avere difficoltà nella respirazione durante il pasto, potendo infatti addentrarsi con la parte cefalica all'interno del corpo della sua preda.

Etologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno comportamento gregario e fossorio ed estrema specializzazione sensoriale, e sono in grado, in massa, di ridurre velocemente un pesce di grosse dimensioni alle sole parti scheletriche, rivestite dalla pelle.

Generi[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia delle Myxinidae comprende 78 specie, divise in 6 generi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zoologia, II ed, Atlanti scientifici, Giunti Editore.
  2. ^ Baccetti B. et al, Trattato Italiano di Zoologia, II vol, p. 969 1995 ISBN 978-8808-09366-0 | ISBN 978-8808-09314-1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci