Myos Hormos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Myos Hormos si trovava nell'Egitto romano sulla costa del Mar Rosso.

Myos Hormos era un antico porto marittimo costruito sul Mar Rosso dai Tolomei, nel III secolo a.C. circa. Da recenti scavi archeologici, svolti da David Peacock e Lucy Blue dell'Università di Southampton, si è scoperto che l'ubicazione della città era a 8 km a nord della moderna città di Quseir, in località Quseir al-Quadim (la Quseir vecchia)[1][2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la supremazia della Dinastia tolomaica in Egitto, Myos Hormos era insieme a Berenice uno dei principali porti dell'Egitto romano, che commerciavono con l'India, l'Africa e probabilmente anche con la Cina.[3]

Alcune delle destinazioni delle principali rotte commerciali erano il delta del fiume Indo, Muziris e la penisola di Kathiawar in India. Il commercio di Myos Hormos e Berenice lungo le coste dell'Oceano Indiano, è testimoniato nel libretto del Periplus maris erythraei, risalente al I secolo.

Secondo Strabone (II.5.12), all'epoca dell'imperatore Augusto, 120 navi all'anno circa, prendevono il largo dal porto di Myos Hormos per le coste indiane:

« "Ad ogni modo, quando Gallo era prefetto d'Egitto, lo accompagnavo su per il fiume Nilo fino alla frontiera con il Regno di Axum, a Assuan, e lì venni a sapere che fino a 120 navi partono regolarmente, per fare commercio con l'India mentre ai tempi della Dinastia tolomaica, solo poche imbarcazioni si attentavono a intraprendere il lungo e pericoloso viaggio verso le coste indiane." »
(Strabo II.5.12.[4])

Il porto di Myos Hormos era connesso alla Valle del Nilo e la città di Menfi attraverso una strada romana.

Dopo il IV secolo il porto fu abbandonato per via della caduta dell'Impero romano d'Occidente e questo decretò la fine dei commerci tra l'antica Roma e l'India.

Solo nel XVII secolo il porto cominciò a riacquistare importanza per via dei pellegrinaggi dei fedeli dell'Islam, provenienti dal Cairo, verso la loro città santa della Mecca. La vecchia cittadina di Qusair è effettivamente l'antico porto tolemaico di Myos Hormos[5].

Mappa della rotta commerciale tra l'antica Roma e l'India che mostra l'ubicazione di Myos Hormos

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cane (Qana') in Maritime Incense Route. URL consultato il 7 dicembre 2008.
  2. ^ Panoramio fotografie del sito archeologico (2).
  3. ^ (EN)
  4. ^ (EN)
  5. ^ Articoli e foto su Myos Hormos e la vecchia cittadina di Qusair (in italiano)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G.W.B. Huntingford. The Ethnology and History of the Area Covered by the Periplus in Huntingford ed., "Periplus of the Erythraean Sea" (London, 1980).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 26°09′23.58″N 34°14′29.7″E / 26.15655°N 34.241583°E26.15655; 34.241583