Mary and Max

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary and Max
Mary and Max (film 2009).JPG
Un'immagine del film
Titolo originale Mary and Max
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Australia
Anno 2009
Durata 90 min
Colore Colore
Audio Sonoro
Rapporto 16:9
Genere Animazione, Comico, Drammatico
Regia Adam Elliot
Produttore Melanie Coombs
Doppiatori originali

Mary and Max è un film d'animazione australiano del 2009 diretto da Adam Elliot realizzato con la tecnica dello stop motion.

Il film è ispirato a una storia vera.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mary Dinkle è una bambina che vive nella periferia di Melbourne, in Australia, insieme ai suoi genitori e al suo gallo. Non è una bambina molto socievole e le sue amicizie si limitano al suo animale da compagnia e ad alcuni pupazzi di sua costruzione, raffiguranti i personaggi del suo cartone animato preferito. Il papà di Mary, Noel Norman, lavora in una fabbrica di bustine di tè e non dedica molte attenzioni alla figlia. La madre, Vera Lorraine, è sempre ubriaca e rappresenta motivo di turbamento da parte della piccola Mary che dopo la morte del nonno, unico punto di riferimento della bambina, non ha più nessuno che possa rispondere alle numerose domande che si pone sul mondo che la circonda.

Proprio la grande curiosità di Mary la porta a spedire una lettera ad un indirizzo casuale in America, per avere risposta ad una delle sue tante domande. Riceve tale lettera Max Horowitz: un curioso newyorkese di quarantaquattro anni con la Sindrome di Asperger, asociale ed emotivamente fragile.

Tra i due nasce una grande amicizia. Mary continua a raccontare a Max le sue angosce e i suoi sogni, Max fa lo stesso con la medesima ingenuità della bambina. Si accompagnano l'un l'altra nel trascorrere della vita, quando Mary perde i genitori, quando Max viene rinchiuso in un ospedale psichiatrico. Fino al giorno in cui Mary, ormai diventata grande, si dedica agli studi universitari di psichiatria, laureandosi e pubblicando un libro proprio sulla sindrome di Asperger e usando Max come caso di studi. Quando spedisce una copia del libro all'amico, lui reagisce male, ponendo fine alla corrispondenza tra loro. Mary cade in depressione, al punto di distruggere tutte le copie del suo libro e di cadere nel'alcolismo.

Intanto Max prosegue la sua vita il più regolarmente possibile, finché un piccolo scontro con un mendicante non lo fa ritornare sui suoi passi e perdonare Mary, alla quale manda subito un pacco con alcuni regali in segno di riconciliazione. Il pacco trova Mary appena prima che compia un insano gesto, causato anche dall'abbandono di lei da parte del marito. Mary ritrova la sua ragione di vita e si scopre anche che aspetta un bambino.

Ad un anno dal tentato suicidio, Mary si reca con suo figlio a New York, a trovare Max per la prima volta. Quando arriva però Max è morto da qualche ora.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora di Mary and Max comprende pezzi di numerosi artisti.

  1. Perpetuum Mobile (Penguin Cafe Orchestra)
  2. Old Mother Ubbard
  3. Russian Rag
  4. Across Two Worlds
  5. The Typerwriter
  6. Dance of The Knights
  7. Prelude and Yodel (Penguin Cafe Orchestra)
  8. Zadok the Priest
  9. Max's Meltdown
  10. That Happy Feeling
  11. Zorba's Dance
  12. That's Life
  13. How I Feel - Pulping Her Life
  14. Whatever Will Be Will Be
  15. A Swinging Safari

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Archie Thomas, Philip Seymour Hoffman joins 'Mary', Variety, 1º ottobre 2008. URL consultato il 10 maggio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]