Marta (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marta
Marta
Stato Italia Italia
Regioni Lazio Lazio
Lunghezza 54 km
Portata media 10 m³/s
Altitudine sorgente 305 m s.l.m.
Nasce lago di Bolsena
42°31′59.89″N 11°55′51.49″E / 42.533304°N 11.93097°E42.533304; 11.93097
Sfocia mar Tirreno presso Tarquinia
42°14′06.75″N 11°41′44.12″E / 42.235209°N 11.69559°E42.235209; 11.69559Coordinate: 42°14′06.75″N 11°41′44.12″E / 42.235209°N 11.69559°E42.235209; 11.69559

Il fiume Marta, chiamato anticamente Larthe, è l'unico emissario del lago di Bolsena; scorre nel Lazio, in provincia di Viterbo, nel territorio dei comuni di Marta, Tuscania e Tarquinia.

Lungo il corso del Marta sono presenti alcune sorgenti termali e, come immissari, i torrenti Catenaccio e Traponzo.

La valle formata dal Marta è stata usata, fin dalla preistoria, come importante via di comunicazione e di transumanza.

Il Marta sfocia nel mar Tirreno, dopo un corso di circa 50 km, nei pressi di Tarquinia; presso la foce sorgeva, anticamente, il porto etrusco di Martanum.

Nel 2005 i fondali tra la foce del Torrente Arrone e la foce del Fiume Marta sono stati proposti come siti di interesse comunitario con il codice IT6000003[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto 25 marzo 2005 (G.U. della Repubblica Italiana n. 157 dell'8 luglio 2005). Elenco dei proposti siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica mediterranea, ai sensi della direttiva 92/43/CEE.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]