Maranta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Maranta
Maranta leuconeura3.jpg
Maranta leuconeura
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Zingiberales
Famiglia Marantaceae
Genere Maranta
L., 1753
Specie
  • Vedi testo

Maranta L., 1753 è un genere di piante della famiglia delle Marantaceae, originario delle zone tropicali americane. Il suo nome deriva dal botanico Bartolomeo Maranta.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Comprende piante erbacee perenni, alte oltre i 50 cm, simili alla Calathea con radici tuberiformi, hanno foglie molto decorative, obovate, intere, vellutate, variegate e segnate da macchie più scure, dal disegno minuto e delicato, dalle sfumature porporine, il nome comune Pianta della preghiera, trae origine dalla particolare chiusura serale delle foglie appaiate, che ricordano le mani giunte in preghiera.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Maranta comprende le seguenti specie, varietà e forme:

  • Maranta allouia Aubl., 1775
  • Maranta amabilis Linden, 1869
  • Maranta amazonica L. Andersson, 1986
  • Maranta amplifolia K. Schum., 1902
  • Maranta angustifolia Sims, 1823
  • Maranta arouma Aubl., 1775
  • Maranta arundinacea L., 1753
    • Maranta arundinacea var. divaricata (Roscoe) Hauman, 1917
    • Maranta arundinacea fo. sylvestris Matuda, 1950
    • Maranta arundinacea var. variegatum (N.E. Br.)
  • Maranta bicolor Ker Gawl., 1824-1825
  • Maranta cachibou Jacq., 1809
  • Maranta capitata Ruiz & Pav., 1798
  • Maranta casupito Jacq., 1809
  • Maranta casupo Jacq., 1809
  • Maranta chimboracensis Linden, 1869
  • Maranta comosa L. f., 1781
  • Maranta compressa A. Dietr., 1831
  • Maranta cuyabensis Körn., 1862
  • Maranta dichotoma Poepp. ex Körn., 1862
  • Maranta divaricata Roscoe, 1828
  • Maranta eburnea Linden & Andre, 1873
  • Maranta eximia Mathieu, 1853
  • Maranta flexuosa C. Presl, 1827
  • Maranta friedrichsthaliana Körn., 1862
  • Maranta galanga L., 1762
  • Maranta gibba Sm., 1812
  • Maranta gracilis Rudge, 1805
  • Maranta hexantha (Poepp. & Endl.) D. Dietr., 1839
  • Maranta hieroglyphica Linden & Andre, 1873
  • Maranta hjalmarssonii Körn., 1862
  • Maranta humilis Aubl., 1775
  • Maranta imperialis Burgerst. & F. Abel, 1901
  • Maranta incrassata L. Andersson, 1986
  • Maranta indica Tussac, 1808 (= Maranta arundinacea L., 1753)
  • Maranta jacquinii Roem. & Schult., 1817
  • Maranta kerchoveana E. Morren, 1879
  • Maranta lateralis Ruiz & Pav., 1798
  • Maranta laxa (Poepp. & Endl.) D. Dietr., 1839
  • Maranta legrelliana Linden, 1867
  • Maranta leonia Sander, 1896
  • Maranta leuconeura E. Morren, 1874
  • Maranta protracta Miq. (= Maranta arundinacea L., 1753)
  • Maranta ramosissima Wall. (= Maranta arundinacea L., 1753)
  • Maranta sylvatica Roscoe ex Sm. (= Maranta arundinacea L., 1753)
  • Maranta warscewiczii (= Calathea warscewiczii (Mathieu ex Planch.) Körn.)
  • Maranta zebrina (= Calathea zebrina (Lindl.) Sims.)

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Come pianta ornamentale per le foglie dalle venature laterali molto evidenti, di colore rosso più o meno scuro, mentre la venatura centrale è circondata da striature verde chiaro in piacevole contrasto con il colore verde oliva della pagina fogliare. Dalla Maranta arundinacea, invece, viene estratta la fecola (Fecola di Maranta) utilizzata in cucina come gli altri amidi.

Metodi di coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

la Pianta più da serra che da appartamento, dove risulta piuttosto delicata e difficile da coltivare, richiede esposizione ombreggiata, ambienti caldo-umidi, lontano da correnti d'aria e dalla luce solare diretta, concimazioni mensili nella bella stagione, con fertilizzanti minerali liquidi, adacquature per parziale immersione del vaso in una vasca piena d'acqua, ogni 3-4 giorni, rinvasare o rinterrare tutti gli anni in primavera, usando terriccio universale.

Si può anche utilizzare un tutore ricoperto di muschio per far arrampicare la pianta.

La moltiplicazione avviene per divisione dei rizomi, o utilizzando come talea i giovani getti ottenuti mettendo a vegetare il ceppo radicale

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

La luce solare diretta, le correnti d'aria e ambienti secchi provocano l'ingiallimento e la caduta delle foglie

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ American Medical Association. Journal of the American Medical Association, p.1370

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica