Maatkara Mutemhat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
nTr dwA
t
ra mAat kA
Maatkara
in geroglifico

Maatkara Mutemhat, il cui nome significa "La potenza creatrice della luce divina è l'ordine" (... – ...), è stata una principessa egizia nonché Divina Sposa di Amon durante la XXI dinastia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Maatkara Mutemhat ai piedi del colosso di Pinudjem I a Karnak

Maatkara fu figlia del Primo Profeta di Amon Pinedjem I (che de facto controllava l’Alto Egitto durante il regno nominale di Smendes) e di Henuttaui, probabilmente figlia di Ramesse XI, ultimo sovrano della XX dinastia.
Ricevette il titolo di Divina Sposa di Amon durante il regno del padre e fu la prima tra le Divine Spose ad adottare un praenomen, fino ad allora prerogativa faraonica.

Di lei sono note alcune rappresentazioni: è ritratta come giovinetta nel Tempio di Luxor insieme a due sorelle, ed anche come sacerdotessa sulla facciata del tempio di Khonsu a Karnak.

Ebbe vari fratelli che ricoprirono tutti altissime cariche: il futuro sovrano della XXI dinastia Psusennes I e poi altri 2 (forse 3) fratelli che furono Primi Profeti di Amon in successione: Masuharte, forse Djedkhonsuefankh e Menkheperra.

Dopo di lei assunse il suo ruolo sua nipote Henuttawy, figlia del fratello Menkheperra.

Non è noto il luogo originale di sepoltura; il prezioso sarcofago di Maatkara contenente la sua mummia fu rinvenuto con altri 13 durante gli scavi del Servizio delle Antichità nel 1881 nella cachette o nascondiglio di Deir el-Bahari, nella tomba contrassegnata come DB320 dove un'intera stanza fu riservata alla famiglia di Menkheperra.
Il sarcofago in legno di cedro e acacia è interamente dipinto e ricoperto con foglia d'oro e la defunta è raffigurata con il volto largo e sereno, con occhi a mandorla e parrucca blu.

Il ritrovamento nel sarcofago della piccola mummia di un neonato lasciò erroneamente dedurre che Maatkara fosse morta di parto, contravvenendo al voto di castità fatto al dio Amon; solo successivi accertamenti rivelarono che la piccola mummia in realtà era quella di una scimmietta, di cui forse Maatkara era la padrona e della quale volle la compagnia anche nell'ultimo viaggio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cimmino, Franco Dizionario delle dinastie faraoniche, Bompiani, ISBN 88-452-5531-X
  • Dodson, Aidan & Hilton, Dyan The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3
  • Amenta, Alessia I tesori del Museo egizio del Cairo, Edizioni White Star
  • Jacq, Christian Le donne dei faraoni, Mondadori, ISBN 88-04-42810-4
  • Pirelli, Rosanna Le regine dell'antico Egitto, Mondadori

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Dinastia dei Primi Profeti di Amon

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Maatkare's Mummy

Valle del Nilo Portale Valle del Nilo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle del Nilo