Lucifera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucifera
fumetto
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Autore Edoardo Morricone
Editore Ediperiodici
1ª edizione 19711980
Periodicità it. mensile
Genere erotico
Lucifera
Lingua orig. Italiano
Autore Edoardo Morricone
Editore Ediperiodici
Specie Demone

Lucifera è l'antieroina eponima di un fumetto italiano popolare negli anni settanta. Il giornaletto "Lucifera" fu pubblicato dalla Ediperiodici in 170 numeri dal 1971 al 1980. Una edizione francese fu pubblicata da Elvifrance in 99 numeri dal 1972 al 1980.

Fra gli artisti che vi lavorarono, Edoardo Morricone (alias Morrik, che successivamente lavorò anche a Biancaneve, Satanik e Justine), Leone Frollo e Tito Marchioro.

Lucifera è uno dei tanti personaggi erotici, violenti o sadici del fumetto italiano degli anni settanta. Altri personaggi con caratteristiche simili includono Zora la vampira, Maghella, Biancaneve, Vartàn, Jacula e Sukia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lucifera è una demone succube la cui vita è consacrata a combattere le forze del bene. Frequente visitatrice dell'Inferno, gode nel vedere il prossimo torturato. Le sue avventure sono piene di esplicito erotismo (per quanto umoristico), fra cui una celebre scena di fellatio al diavolo in persona. Alcuni numeri comprendono sadomasochismo, esecuzioni, impalamenti, squartamenti, nonché una violenza sessuale ad opera di un ragno gigante.

Lo sfondo sembra essere una mitica e violentissima Europa medievale, popolata da streghe, cavalieri e draghi a tre teste.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]