Lorenzo Delleani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lorenzo Delleani (Pollone, 17 gennaio 1840Torino, 13 novembre 1908) è stato un pittore italiano.

Primavera in alta montagna, 1904 - 1905
Autunno dorato o Tramonto a novembre (effetti di luce), 1904 (Fondazione Cariplo)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si forma all’Accademia Albertina di Torino, allievo di Cesare Gamba e Carlo Arienti. Inizialmente si dedica alla pittura di storia riportando diversi riconoscimenti ufficiali. Nel 1874 espone al Salon di Parigi. Dalla fine del settimo decennio si assiste al progressivo aggiornamento dei suoi mezzi espressivi e del suo repertorio tematico, in direzione di una rinnovata attenzione allo studio dal vero del paesaggio. Con l’inizio degli anni Ottanta si dedica esclusivamente ad una pittura en plein air, condotta in dense pennellate di colore che catturano la luce, adottando tra i soggetti preferiti vedute piemontesi raffigurate al variare della luce e delle stagioni.

Nel 1899 partecipa alla III Esposizione internazionale d'arte di Venezia.

La partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1905 con circa quaranta opere e la partecipazione all’Esposizione internazionale d’arte di Monaco, nello stesso anno, sanciscono il successo internazionale dell’artista.

Il Comune di Torino gli ha intitolato una via, tra Corso Monte Cucco e Corso Trapani; lo stesso hanno fatto i Comuni di Biella, Novara, di Chieri e di Santena.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi dipinti, sono numerosi i paesaggi di montagna, caratterizzati da colori brillanti e da una pennellata pastosa e veloce; particolarmente apprezzati dai collezionisti sono quelli del periodo 1883/1889. A Delleani non piaceva dipingere città ma paesaggi naturali soprattutto della zona biellese. I suoi luoghi preferiti furono Torino, dove trascorse parecchi inverni, Biella, Pollone e il castello di Miradolo, ospite dei conti Cacherano di Bricherasio ed in particolare dalla contessa Sofia, la sua allieva prediletta.

Nel centenario della morte sono state allestite, in contemporanea ed in sinergia tra loro, tre importanti mostre: "Delleani ed il suo tempo" a Palazzo Bricherasio in Torino, "Delleani ed il cenacolo di Sofia di Bricherasio" al Castello di Miradolo in San Secondo di Pinerolo e "Delleani la vita e le opere" al Museo del Territorio Biellese in Biella.

Lorenzo Delleani nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Donatella Taverna, Mario Marchiando Pacchiola, I Delleani di Palazzo Vittone, con un omaggio a Sofia di Bricherasio (carteggio inedito), Quaderno 4 della Collezione Civica d'Arte di Pinerolo, Pinerolo 1982
  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 8, p. 683. New York, Grove, 1996. ISBN 1884446000
  • Elena Lissoni, Lorenzo Delleani, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA (fonte per la biografia).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]