Lithospermum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lithospermum
Illustration Lithospermum arvense0.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Lamiales
Famiglia Boraginaceae
Genere Lithospermum
L.
Specie
  • Vedi testo

Il genere Lithospermun L., della famiglia delle Boraginaceae, è costituito da erbe perenni.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

I fiori, a volte eterostili, sono portati in cime fogliose terminali o ascellari.
Il calice 5-lobato più o meno fino alla base è accrescente.
La corolla può variare da cilindrica a infundibuliforme, è biancastra e ha un tubo con 5 squame più o meno glandulose alla fauce e con un anello alla base.
Gli stami sono inclusi e inseriti a circa la metà del tubo.
Lo stilo, semplice, è incluso e ha stimma bilobo.
Le nucule, lisce, bianche e lucenti, sono quattro e completamente staccate dal ricettacolo.

Classificazione e determinazione[modifica | modifica sorgente]

Sia da Flora d'Italia di S. Pignatti, che è la chiave dicotomica più utilizzata per la determinazione delle specie italiane, che da Flora Europea di Tutin, Heywood et Alii, utilizzata sia per la determinazione delle specie italiane ed europee che per la nomenclatura, ancora ritenuta dai più esperti botanici, come quella più aggiornata, al genere Lithospermum L. viene attribuita solo la specie L. officinale L..
Le altre specie, che fino ad non molti anni fa venivano attribuite a questo genere, vedi ad esempio Nuova Flora Analitica d'Italia di A. Fiori, o altre Flore, attualmente sono attribuite al genere Buglossoides, al genere Lithodora, al genere Moltkia, pur conservandone ancora il vecchio binomio come sinonimo.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il genere, presente nella maggior parte dell'Europa, diventa raro nelle regioni occidentali e nordiche, alieno in Finlandia.

Specie in Italia[modifica | modifica sorgente]

In base a quanto scritto precedentemente, in Italia, secondo Pignatti, a questo genere è attribuibile solo una specie:
L. officinale L.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]