Lingua ro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ro è una lingua artificiale filosofica a priori creata nel 1906 dal reverendo Edward Powell Foster (1853-1937). Nel Ro, le parole vengono costruite utilizzando un sistema di categorie. Per esempio, il termine per dire rosso è 'bofoc', mentre quello per il giallo è 'bofof', da cui si deduce che "Bofo-" è la categoria generica per tutti i colori.

Alcuni versi del Padre nostro in Ro: Abze radap av el in suda, ace rokab eco sugem, ace rajda ec kep, ace va eco, uz in suda asi in buba.

Foster non inventò il Ro pensando a "come creare una lingua migliore". La sua fu più che altro la risposta ad una domanda che si era posto. Foster scrisse a proposito del Ro:

« Il Ro non cominciò come un tentativo di competere o soppiantare qualunque altra lingua, naturale o artificiale, né fu suggerita da alcuna di loro. L'idea arrivò inaspettatamente: "quanto è strano che non ci sia niente nell'apparenza di una parola scritta o stampata che suggerisca un minimo del suo significato. Perché una parola non dovrebbe essere un'immagine? Una nuova parola mai vista prima, potrebbe, come un dipinto visto per la prima volta, trasportare almeno qualcuno dei significati direttamente all'occhio. »

La pubblicazione di periodici Ro fu supportata da molti sponsor americani, incluso Melville Dewey, inventore della Classificazione decimale Dewey, un altro tentativo di categorizzare la conoscenza umana.

Una critica comune al Ro è che risulta difficile sentire la differenza tra due parole poiché solitamente una sola consonante può stravolgere completamente il senso di una parola. Questa può essere una spiegazione del perché il Ro non ebbe lo stesso successo delle altre lingue artificiali, come l'Esperanto. Il Solresol fu un altro semplice linguaggio classificatorio che utilizzando un ridotto insieme di simboli ha raggiunto una più facile possibilità di discernimento.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

lingue artificiali Portale Lingue artificiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingue artificiali